Napoli-Milan: i top e flop del match

0

Il Milan ha ottenuto un roboante 0-4 in casa del Napoli, issandosi al terzo posto in classifica, nel posticipo domenicale valido per la 28a giornata di Serie A. I rossoneri sono stati abiii a contenere le folate offensive partenopee, colpendo con cinismo negli spazi lasciati dagli avversari. Quali sono stati i top e flop di Napoli-Milan? Ecco le nostre scelte.

Napoli-Milan: i top del match

Brahim Diaz: lo spagnolo è l’elemento che ha colpito maggiormente. Partito dal centro-destra, è stato in grado di dare imprevedibilità alla mattonella offensiva. Giocate e dribbling riusciti in gran numero, ha anche scaricato sotto la traversa la palla del momentaneo 0-2. Alla ribalta.

Rafael Leao: “Diventerà un campione perché ha potenzialità incredibili ed è un ragazzo intelligente“. Queste le dichiarazioni al miele di Stefano Pioli, che cerca di spronare il suo numero 17. Pecca ancora di continuità, sta di fatto che, di nuovo dirottato sull’esterno di sinistra, è tornato ad essere esplosivo. Un gol da punta e l’altra da puro fantasista. Il portoghese vuole riprendersi il Milan con gli interessi.

Sandro Tonali: il classe 2000 è tornato sui suoi livelli, giocando una partita totale, fatta di recuperi e grandi strappi. Con Bennacer ha fomato una cerniera di centrocampo invalicabile. Come se non bastasse, da un suo feroce attacco alla palla ha lanciato Leao per il sigillo dello 0-3 che di fatto ha chiuso la partita. Ad oggi è impossibile rinunciare a lui.

Napoli-Milan, i flop del match

Stanislav Lobotka: lo slovacco è stato praticamente irriconoscibile. Tallonato in impostazione da Krunic, non ha avuto un attimo di respiro, soffocato dall’asfissiante pressione dei rossoneri. Non ha svolto il suo compito al meglio e tutta la manovra ne ha risentito.

Kim Min-Jae: The Monster non ha spaventato più di tanto gli attaccanti milanesi. Come tutta la retroguardia, ha sofferto gli attacchi veloci della squadra di Pioli, passando tutta la gara a rincorrere. Un passaggio a vuoto che non offusca comunque una stagione fin qui fantastica.

Giovanni Di Lorenzo: il terzino destro della Nazionale ha avuto l’ingrato compito di contenere l’asse Theo Hernandez-Leao. Missione non andata a buon fine, con il portoghese che ha stordito continuamente il capitano azzurro. Poca spinta e tanto affanno.

Napoli-Milan: i top e flop del match

Menzioni d’onore

Una per parte, di due giocatori subentrati. Per i padroni di casa da segnalare il buon ingresso in campo di Giacomo Raspadori. L’ex Sassuolo, nonostante il risultato ampiamente acquisito, ha impensierito la difesa con delle pogressioni e tentativi al tiro, con tanta voglia di fare bene. Spalletti potrà contare anche su di lui per il finale di stagione.

Tra le fila ospiti, doveroso citare l’incredibile ingresso di Alexis Saelemaekers. Il belga è stato letteralmente indemoniato, avendo siglato un gol dopo aver scartato mezza difesa. Non contento, ha sfiorato un’altra rete di pregevole fattura, con Meret che ha dovuto fare gli straordinari per dire di no. Sorpresa. 

Quali sono stati, secondo voi, i top e flop di Napoli-Milan?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui