Nasce la UEFA Europa Conference League: come funziona?

0

A più di 20 anni dall’abolizione della Coppa delle Coppe, la UEFA ha ufficializzato il ritorno di una terza competizione europea per club: si tratta della UEFA Europa Conference League, che prenderà il via dalla stagione 2021/22. In totale saranno 184 le squadre che parteciperanno al torneo, di cui almeno una per ognuna delle 55 federazioni UEFA e 46 provenienti dalla Champions League o dall’Europa League. Prima della fase a gironi ci saranno tre turni di qualificazione e un turno di spareggio, suddiviso in un percorso principale e un percorso Campioni, riservato alle squadre che provengono dal percorso Campioni di Champions League ed Europa League.

Nessuna squadra si qualifica direttamente per la fase a gironi. Le 32 squadre si suddividono in: 17 squadre provenienti dal percorso principale di UEFA Europa Conference League; 5 squadre provenienti dal percorso Campioni di UEFA Europa Conference League; 10 squadre eliminate agli spareggi di Europa League.

UEFA Europa Conference League: date della prima edizione e regolamento

È prevista una fase a gironi (otto gruppi da quattro squadre) seguita dagli spareggi per la fase a eliminazione diretta, gli ottavi di finale, i quarti di finale, le semifinali e la finale. Le otto vincitrici dei gironi si qualificano direttamente agli ottavi. Le otto seconde classificate nei gironi e le terze classificate nei gironi di Europa League giocano invece gli spareggi per la fase a eliminazione diretta, che portano agli ottavi di UEFA Europa Conference League. La nuova competizione si giocherà il giovedì in contemporanea con l’Europa League, orientativamente nelle due fasce orarie delle 18,55 e delle 21,00. Le date del torneo per il ciclo 2021-2024 sono le seguenti:

  • primo turno di qualificazione: 8 e 15 luglio;
  • secondo turno di qualificazione: 22 e 29 luglio;
  • terzo turno di qualificazione: 5 e 12 agosto;
  • spareggi: 19 e 26 agosto;
  • fase a gironi: 16 e 30 settembre, 21 ottobre, 4 e 25 novembre, 9 dicembre;
  • spareggi per la fase a eliminazione diretta: 17 e 24 febbraio;
  • ottavi di finale: 10 e 17 marzo;
  • quarti di finale: 7 e 14 aprile;
  • semifinali: 28 aprile e 5 maggio;
  • finale: 25 maggio (sede da confermare).

La vincitrice conquisterà un posto nella fase a gironi della successiva Europa League se non si è già qualificata in Champions League tramite il campionato. Come annunciato oggi pomeriggio dal Comitato Esecutivo UEFA, la prima finale del torneo si giocherà alla nuovissima “National Arena” di Tirana il 25 maggio 2022.

Gli effetti su Champions ed Europa League

Come spiegato sul sito ufficiale della UEFA, l’introduzione della nuova competizione europea per club non avrà effetti sulla Champions League, mentre la fase a gironi di Europa League passerà da 48 a 32 squadre (otto gironi da quattro).

Le otto vincitrici dei gironi di Europa League si qualificano direttamente ai sedicesimi, e prima degli ottavi sono previsti ulteriori spareggi per la fase a eliminazione diretta. Queste gare oppongono le otto seconde classificate nei gironi di Europa League alle otto terze classificate nei gironi di Champions League.

La lista di accesso all’Europa League cambierà di conseguenza. La squadra vincitrice della UEFA Europa Conference League precedente sarà raggiunta nella fase a gironi da 11 squadre che si qualificano direttamente tramite il campionato. Inoltre, 10 squadre arriveranno dalle qualificazioni di Europa League e altre 10 dalle qualificazioni di Champions League.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui