OTP Bank Liga: campionato ormai chiuso?

0

Al termine della 18esima giornata, il Ferencváros sembra quasi aver ipotecato lo scudetto, grazie ad un impressionante +14 sulla seconda in classifica. Lotta ai piani alti per un’occasione in Europa e sfida per la salvezza. Risulta però chiaro che per il Fradi la strada sia più che spianata.

Classifica OTP Bank Liga: ci sono pochi dubbi

Sono bastate 18 gare per mettere in evidenza la supremazia del Ferencváros sulle “dirette” rivali. Il resto della classifica si presenta ancora incerto, con la lotta alla retrocessione apertissima e la sfida ai piani alti che coinvolge quattro club in appena 6 punti.

Di seguito la classifica aggiornata:

  1. Ferencváros: 44 punti
  2. Kecskeméti TE: 30 punti
  3. Kisvárda: 27 punti
  4. Puskás Academy: 26 punti
  5. Debrecen: 24 punti
  6. Zalaegerszegi: 23 punti
  7. Paksi SE: 23 punti
  8. MOL Vidi: 20 punti
  9. Mezőkövesd-Zsóry: 20 punti
  10. Újpest: 19 punti
  11. Honvéd: 17 punti
  12. Vasas: 17 punti

Se molti campionati sono apertissimi e vengono decisi all’ultima giornata – e a volte all’ultimo gol – lo stesso non si può dire di quello ungherese, dato che la OTP Bank Liga presenta un quadro ben preciso: una capolista indisturbata e tutte le altre a raccogliere le briciole.

OTP Bank Liga: campionato ormai chiuso?

Il secondo e il terzo posto sono molto ambiti per provare ad avere un’opportunità in Europa e a combattere per questo diritto c’è il Kecskeméti TE, una neopromossa che sta confermando le buone sensazioni di inizio stagione. Tutto il contrario invece per l’altra neopromossa, il Vasas, fanalino di coda. Altalenante il MOL Vidi e deludente, ancora una volta, l’Honvéd, che non sembra più in grado di reggere questi livelli.

Se si può pensare di lottare per la permanenza nella massima serie, non si può invece credere di riaprire il discorso scudetto, che appare già virtualmente chiuso. A 15 giornate dalla fine, non c’è ancora la vittoria aritmetica, ma la compagine di Budapest di gare ne perde pochissime e vanta il miglior attacco (con 42 reti) e la miglior difesa (con 15 gol subiti). A tutti gli effetti una squadra invicibile – o quasi – nel proprio territorio.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui