Pafundi, vicina la cessione in prestito dall’Udinese alla Reggiana

0

Possibile momento di svolta nella giovanissima carriera di Simone Pafundi, infatti il 17enne di Monfalcone, è vicino a lasciare l’Udinese in prestito e a trasferirsi alla Reggiana. Aspetto questo che potrebbe giovare notevolmente alla crescita del ragazzo. 

A quest’età è decisivo per i giocatori così talentuosi, mettere quanti più minuti possibili nelle gambe per fare esperienza. Dunque, l’ipotesi in prestito in Serie B, può essere veramente ottima per incamerare minuti nel calcio professionistico. 

Pafundi, vicina la cessione in prestito dall'Udinese alla Reggiana

Marcire in panchina a Udine, a margine del gruppo senza praticamente mai essere impiegato, non è certo la soluzione ideale per maturare infatti. Quello che da tutti gli addetti ai lavori viene descritto come possibile futuro numero 10 della Nazionale, è chiamato ora a mostrare il suo valore. 

I motivi dello scarso impiego di Pafundi all’Udinese e l’apertura alla cessione in prestito alla Reggiana

I motivi dietro il poco impiego di Pafundi in Friuli sono vari. Inizialmente il problema è stato ricondotto al rinnovo del contratto, per cui non si è raggiunta facilmente un’ intesa tra la dirigenza del club e l’entourage del giocatore. 

Poi però, una volta firmato il nuovo accordo, sono subentrate nuove problematiche dal punto di vista tattico, con il ragazzo ritenuto troppo acerbo per giocare in prima squadra. L’arrivo di Cioffi poi al posto di Sottil, ha ulteriormente ridotto lo spazio in campo al giovane azzurrino. 

Il mister infatti, sembra proprio non vedere il ragazzo e alle domande dei cronisti sul suo mancato impiego ha risposto stizzito in conferenza: “queste domande non fanno bene al ragazzo”. 

Pafundi, vicina la cessione in prestito dall'Udinese alla Reggiana

Questo nonostante negli ultimi mesi in casa Udinese non sono mancati vari gravi infortuni come quello a Deulofeu. Piuttosto che lanciare Pafundi però, si è preferito dare una chance a Thauvin, ripescato da svincolato dopo anni in Messico. 

Mancanza di coraggio nel lanciare l’ennesima possibile stellina del calcio italiano dunque, ben venga il prestito in B con la possibilità di mettersi in mostra. Per questo aspetto l’abolizione del decreto crescita non è un male, lo è per non poter vedere magari vari campioni nel nostro campionato. 

L’esplosione al Mondiale Under 20, ora l’occasione d’oro in B

Esploso a livello mediatico dopo l’eccellente Mondiale Under 20 giocato dall’Italia in Argentina, ora per Pafundi è l’ora della verità. Senza eccessive pressioni però.

Il ragazzo infatti, si appresta a vivere la sua prima esperienza da protagonista in un club e l’importante è riuscire a mettere più minuti possibili nelle gambe in questi mesi di prestito. Avere un maestro come Nesta in panchina, può essere fondamentale per la crescita anche mentale del giovane Pafundi. 

Pafundi, vicina la cessione in prestito dall'Udinese alla Reggiana

In modo tale da cominciare a capire effettivamente il proprio livello, dove migliorare e soprattutto mettersi in mostra. Aspetti fondamentali per trovare poi maggior spazio il prossimo anno, magari anche in Serie A. 

L’Udinese infatti in caso di buone prestazioni in questi mesi in prestito potrebbe convincersi a puntare su di lui in maniera definitiva. Oppure in caso contrario, non è impossibile una cessione ad un club che decide di puntarci in maniera chiara. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui