Parma, Fabio Pecchia merita la Serie A?

0
Parma, Fabio Pecchia merita la Serie A?

Due importanti annate nella cadetteria, compiendo finalmente il grande passo. Fabio Pecchia merita la Serie A con il suo Parma? Eccezion fatta per una parentesi in terra scaligera, il tecnico classe ’73 ha sempre guidato compagini di Serie B, ottenendo buonissimi risultati. Adesso sembra essere giunto il momento di confermare quanto di buono fatto con il club parmigiano.

Pecchia in Serie A con il suo Parma: qual è la formula giusta per una buona stagione

Stagioni particolari quelle vissute dal Parma che, una volta retrocesso in Serie B, ha trascorso un periodo di stallo e successivamente di ricostruzione. Tanti i mister in poco tempo (con Liverani, D’Aversa, Maresca e lo stesso Pecchia) per poi affidarsi alla guida dell’allenatore di Formia.

Sedutosi in panchina nel 2022/23, dopo aver ottenuto la promozione l’anno prima con la Cremonese, Fabio Pecchia ha condotto la squadra ad una stagione buona ma con alcuni lati negativi. Qualche criticità tecnica – ed errori di maturità – ha portato il Parma a chiudere al quarto posto e a giocarsi i playoff, uscendo in semifinale contro il Cagliari di Claudio Ranieri, lo stesso che poi si sarebbe aggiudicato l’ultimo slot valido per la promozione.

Logo-Parma Parma, Fabio Pecchia merita la Serie A?

Una stagione agrodolce, dove i lati positivi erano più di quelli negativi, tanto da aver convinto il presidente americano a dargli ancora fiducia. Una rosa giovane e “svecchiata” con le cessioni di Vazquez e Buffon (il primo alla Cremonese e il secondo ritiratosi) e lasciando spazio ai moltissimi giovani in rampa di lancio. Una scelta rischiosa ma vincente, dato che il Parma ha chiuso al primo posto con 21 vittorie, 13 pareggi e 4 sconfitte.

Adesso occorrerà qualche pedina in più, capace di dare equilibrio alla classe e alla “incoscienza” dei molti talentini, ma il Parma sembra volersi affidare a Fabio Pecchia che, dopo due anni, ha meritato questo trampolino.

L’ennesima sfida per un tecnico abituato a prendersi le sue responsabilità.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui