Porto, eletto il nuovo presidente per il prossimo quadriennio

0

Nel weekend appena trascorso, il Porto ha disputato due partite: la prima si è tenuta ovviamente in campo ed ha visto i Dragões pareggiare in casa per 2-2 nel Clássico contro lo Sporting Lisbona, mentre la seconda si è svolta a livello politico con l’elezione del nuovo presidente. Al termine della votazione, alla quale hanno partecipato quasi 27.000 tifosi (pari all’incirca al 70% degli associati e dunque degli aventi diritto al voto) del club, è risultato vincitore un grande ex del passato recente dei biancoblu. Si tratta di André Villas-Boas, che ricoprirà la carica (la trentaduesima nella storia della squadra lusitana) per il quadriennio 2024-2028

André Villas-Boas, il ritorno al Porto nelle vesti di nuovo presidente 

Villas-Boas si prepara a vivere la sua seconda vita al Porto nel ruolo di nuovo presidente del club. Dopo la lunga trafila nello staff tecnico e l’avventura in panchina da primo allenatore, lo Special Two compie l’ulteriore e ultimo passo in avanti per giungere ai vertici della squadra lusitana. Un amore viscerale tra i Dragoni e il quarantaseienne, come testimoniato dai numeri della sua schiacciante vittoria, che si attestano su un quasi 80% di preferenze dei votanti.

Porto, eletto il nuovo presidente per il prossimo quadriennio

Una storia che parte da lontano, dal 2001, quando fu inserito nella squadra tecnica di José Mourinho, fino ad arrivare alla stagione 2010/2011 con lo straordinario trionfo in Europa League che consacrò l’attuale nuovo presidente del Porto come il più giovane allenatore a vincere una coppa europea. Da allora è passato un bel po’ di tempo e il figliol prodigo dello Special One ha dismesso le vesti di tecnico dopo un drastico calo delle sue fortune. Le sue prime parole subito dopo il successo elettorale hanno richiamato il senso di collettività che deve guidare il club, ribadendo che il Porto è l’unico bene comune di cui tutti devono occuparsi. E lui stesso ha già ribadito di essere pronto a dare tutto per i biancoblu

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui