Porto-Juventus, Pirlo: «Approccio sbagliato dal primo minuto»

0
pagellone della giornata 31

Serata negativa per la Juventus di Andrea Pirlo che nella sfida di Champions League contro il Porto perde 2-1. La squadra di casa impiega solo due minuti per segnare il primo gol; non solo: la mancata reazione della Juventus rende facile anche la seconda rete che arriva al 46′ minuto. Solo al minuto 82 Federico Chiesa riesce ad accorciare le distanze. La Juventus è quindi obbligata a vincere nella gara di ritorno contro i portoghesi, in programma il prossimo 9 marzo a Torino.

Pirlo su Porto-Juventus: «Approccio sbagliato dal primo  minuto»

Dopo la sconfitta il tecnico bianconero commenta la gara. Pirlo ammette che la Juventus ha giocato male dall’inizio del match: «L’approccio è diventato sbagliato dopo il primo minuto, perché quando prendi un gol così dopo un minuto di partita è normale che un po’ di paura ti viene, ti mancano le sicurezze che non dovrebbero mai mancare quando giochi un ottavo di finale, però i ragazzi si sono un po’ abbattuti perché non è sicuramente l’inizio che volevamo fare, abbiamo preso un gol strano, poi è stata messa in piedi la partita che volevano fare».

Pirlo spiega anche il motivo di non aver inserito Alvaro Morata nella formazione iniziale: «Non è al meglio. Da quando è rientrato dall’influenza non si è più ripreso. È entrato nel momento del bisogno, quando è finita la partita si è dovuto sdraiare. Ha avuto uno svenimento, non era al meglio»

Il tecnico bianconero sulla gara: «Non è facile mantenere lo stesso ritmo»

Per Andrea Pirlo una delle cause della sconfitta è di sicuro la stanchezza per i troppi impegni: «La stanchezza dopo tante partite impegnative c’è, non è facile mantenere lo stesso ritmo, ma in un ottavo di finale non doveva succedere. Fortunatamente l’abbiamo rimessa in pista, adesso ci concentreremo sul ritorno».

Infine un’osservazione tattica: «L’avevamo preparata per attaccarla con gli attaccanti e con gli esterni, ma quando ricevi palla e la tocchi sempre tre o quattro volte perdi il tempo e loro riuscivano sempre a rientrare. Dovevamo essere più lucidi, c’era tanto spazio per allargare il gioco ma il movimento con la palla era troppo lento».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui