Premier League, vaccino obbligatorio per giocatori e staff

0
Premier League, vaccino obbligatorio per giocatori e staff

Ora è ufficiale. I calciatori e i membri dello staff dei club di Premier League dovranno vaccinarsi con doppia somministrazione contro il Covid-19 entro primo ottobre. È questa la decisione presa dal massimo campionato inglese, per evitare che la pandemia possa incidere sul prossimo campionato. La decisione fa parte di un piano più ampio studiato dal governo del Regno Unito. Si prevede come requisito il Green Pass per tutti coloro che prenderanno parte alle sfide della Premier League. Per i calciatori sarà necessaria la doppia dose di vaccino per scendere in campo.
 

La Premier League continua a lavorare sulla campagna di sensibilizzazione in tema vaccini. Si portano le società a vaccinare i dipendenti per evitare interruzioni durante il prossimo campionato. Con l’inizio della nuova stagione, non saranno più sufficienti i due tamponi negativi a settimana, obbligatori dallo scorso giugno 2020.

Premier League, con il vaccino addio al doppio tampone negativo

La misura del doppio tampone ha portato ottimi risultati da quando è presente, con solamente un paio di gare posticipate nella stagione 20/21 a causa del Coronavirus. Ma l’aumento dirompente dei contagi a causa della variante Delta, con oltre 46 mila casi nell’ultima settimana, ha fatto nuovamente scattare l’allarme nel Regno Unito. Per questo viene introdotta in Premier League il vaccino obbligatorio. L’Arsenal pochi giorni fa ha dovuto cancellare la tournée negli Stati Uniti e non potrà partecipare alla Florida Cup, dove avrebbe sfidato l’Inter, a causa di casi all’interno del gruppo squadra. Sono risultati positivi al tampone anche alcuni tesserati del Chelsea e del Manchester City, dopo il ritorno dalle vacanze.
 

Il piano iniziale prevede la totale riapertura degli stadi, ma l’ingresso sarà consentito solo a coloro che avranno già effettuato le due dosi di vaccino. I club stanno già utilizzando questa procedura per riavere i tifosi allo stadio nelle gare del pre-campionato. Questa scelta farà sicuramente discutere. Ma sembra quella di più facile attuazione per riavere gli stadi al completo ed evitare ulteriori perdite economiche causate dalla pandemia.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui