Roma, Fienga sul caso Diawara: «Errore in buona fede»

0

Giornata di presentazione del nuovo attaccante della Roma, lo spagnolo Pedro Rodriguez, incontro al quale ha partecipato anche il CEO Guido Fienga che ha presentato il nuovo acquisto parlando successivamente del pasticcio Diawara nell’esordio di campionato contro il Verona. I giallorossi non hanno inserito il giocatore 23enne nella lista degli ‘over 22’, sbaglio per il quale il Giudice Sportivo ha assegnato la vittoria a tavolino per 3-0 ai veneti. La Roma presenterà ricorso.

Caso Diawara, Fienga: «Abbiamo il diritto di poterci difendere»

Fienga ha presentato il nuovo attaccante Pedro Rodriguez: «Siamo felici di presentare Pedro come nostro calciatore. Quando ha scelto la Roma siamo stati molto contenti, è un giocatore che in tutti i campionati da lui disputati ha vinto più di tutti. Avere un giocatore come lui in squadra significa inserire competenze e capacità all’interno della squadra. Siamo contenti di come si sia inserito con i nuovi compagni».

Il CEO giallorosso sul caso Diawara: «L’episodio è basato su un errore fatto da noi in assoluta buona fede. Uno sbaglio che però non ha arrecato alcun vantaggio alla Roma poiché non portava ad inserire un giocatore non tesserato. Abbiamo almeno il diritto di poterci difendere. Sentire organi federali e in particolare il presidente della Corte che ci dovrà giudicare esprimersi già in anticipo sul giudizio che dovrà emettere, ironizzando sulla questione, ci lascia sorpresi perché sembra che questo diritto alla difesa sia inutile. Partire dicendo che non abbiamo alcuna chance significa assimilare l’errore al dolo».

Fienga blinda Fonseca: «Mai stato in bilico, il progetto della Roma con lui va avanti»

Paulo Fonseca, a dispetto delle indiscrezioni trapelate in questi giorni, non è assolutamente in bilico. «Fonseca non è un tema aperto per la società e non lo è mai stato. E’ il nostro allenatore, l’anno scorso è partito un progetto con lui che prevedeva una squadra giovane con un tecnico altrettanto giovane ma con qualità, che doveva adattarsi al campionato italiano. Quest’anno partiamo con esperienza in più, non capiamo perché questa discussione sia aperta. Per quanto riguarda il Direttore Sportivo, è una posizione vacante per il club. Quanto prima dovrà essere ricoperta dalla persona più idonea alla filosofia del club. Ho sentito il nome di Paratici, penso sia irrispettoso sia nei suoi confronti che della società in cui lavora. Paratici è il Direttore Sportivo di un nostro avversario e tale resta, anzi speriamo di batterlo domenica».

Edin Dzeko, al centro delle voci di mercato, resta un punto di riferimento del progetto Roma: «Siamo felici che Dzeko sia il nostro capitano e tale resterà. Conosciamo il suo valore e la sua professionalità, siamo sicuri che se domenica giocherà darà il massimo. La Roma ha sempre avuto un’idea su Edin e quella è rimasta».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui