Roma, Tiago Pinto lascia la società

0

News in casa Roma, con il direttore sportivo Tiago Pinto dopo la sessione del mercato di Gennaio, destinato a lasciare il club giallorosso. Questa è, dunque, l’ultima sessione in cui il GM portoghese opera per conto della squadra capitolina. 

Tra gli impegni più imminenti, prima di decidere con calma il suo futuro, c’è quello di trovare un difensore centrale. La squadra giallorossa infatti, priva di Smalling, Kumbulla alle prese con il lento ritorno in gruppo e N’Dicka per la Coppa d’Africa, ha urgente bisogno di trovare un rinforzo nel reparto arretrato

Roma, Tiago Pinto lascia la società

Impresa tra l’altro non semplice quella del portoghese, in quanto le finanze per operare sono pari a zero o quasi. Un’operazione per lasciarsi bene con la piazza capitolina però, sembra destinata ad andare in porto nei prossimi giorni. 

Tiago Pinto e il bilancio della sua avventura a Roma 

In carica dall’inizio di Gennaio del 2021, in 3 anni nella Capitale i risultati delle operazioni compiute sono stati altalenanti. Ottima la partenza con l’annuncio di Mourinho, grazie al progetto presentato dai Friedkin, tra le sue operazioni più brillanti troviamo anche gli arrivi di Lukaku e Dybala

Arrivati si grazie anche al carisma dell’allenatore portoghese, ma anche grazie all’abilità del GM nell’aspettare il momento giusto senza prendere nomi qualunque prima. Oltre a ciò, è anche artefice in prima persona insieme alla squadra e al mister del successo della Conference League di Tirana nel 2022, e della cavalcata europea della scorsa stagione.

Al netto di altre buone operazioni come quella di N’Dicka o di Svilar, l’avventura del portoghese ha vissuto anche di operazioni che hanno reso pochissimo. 

Roma, Tiago Pinto lascia la società

Tra tutte le due più gravi a livello economico sono quelle che hanno portato agli acquisti di Shomurodov e Vina. Prezzi alti di cartellini, e rendimento scarso da parte dei due hanno creato qualche malumore nella piazza. Altra operazione con poco senso poi quella di Renato Sanches

Meglio è andata a livello di cessioni invece, con importanti plusvalenze realizzate per rispettare i paletti del Fair Play Finanziario. Male però nella gestione di alcuni rinnovi sfumati, su tutti quelli di Mkhitaryan e Zaniolo. 

In generale, l’esperienza del GM portoghese si chiude dunque con un buon ricordo e qualche critica, forse esagerata considerando la sua esperienza pari a zero o quasi prima del suo arrivo a Roma. Nel suo futuro forse, proprio il Benfica da cui è arrivato 3 anni fa, più pronto di allora. 

Ecco il comunicato del club e le parole del portoghese

Queste le parole rilasciate in un comunicato congiunto apparse sul sito della Roma, inerenti all’interruzione del rapporto a partire 3 Febbraio 2024.

Ecco le dichiarazioni da parte di Dan e Ryan Friedkin: “Ringraziamo Tiago Pinto per l’incessante impegno profuso dal primo giorno per tutta l’area sportiva, dalla Prima Squadra maschile fino al Dipartimento Femminile. Il suo mandato terminerà alla fine della sessione invernale di calciomercato. Il processo del nuovo direttore è in corso e saremo lieti di annunciarlo nelle prossime settimane”. 

Tra i nomi papabili sembrano esserci Modesto del Monza e Massara, già in giallorosso da vice di Sabatini ed al fianco di Maldini nella conquista dello scudetto da parte del Milan due stagioni fa. 

Roma, Tiago Pinto lascia la società

Ecco invece le parole di Tiago Pinto: “Dopo 3 anni ritengo il mio ciclo a Roma concluso e accingendomi all’uscita desidero ringraziare tutti coloro che hanno reso speciale la mia permanenza in questo Club e in questa città: in primis la famiglia Friedkin, che mi ha concesso di vivere un’esperienza unica e di servire una società storica, in un paese dove il calcio è passione e tradizione.

Vorrei inoltre esprimere la mia gratitudine verso gli allenatori, i giocatori e le persone che mi hanno affiancato nella ristrutturazione dell’area sportiva. Assieme abbiamo condiviso il privilegio e la responsabilità di lavorare per un bene prezioso, la Roma

Intendo infine dedicare un pensiero a due realtà che per certi versi rappresentano il passato, il presente e il futuro dell’Associazione Sportiva Roma. Queste sono i tifosi ed il settore giovanile. Le immagini dei ragazzi sospinti dal nostro pubblico mi hanno restituito il senso della famiglia giallorossa e reso fiero di farne parte“.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui