Serie A 2023/24, la classifica a confronto dopo 25 giornate

0

La Serie A si avvicina sempre più al traguardo della stagione 2023-2024, e il confronto tra la classifica attuale e quella dello scorso anno evidenziano in maniera sempre più chiara le differenze tra i due campionati. In vetta fa un altro passo importante l’Inter (+13) che batte 4-0 la sempre più inguaiata Salernitana (-12), e allunga sulle dirette rivali. Infatti, la Juventus (+4) non riesce ad uscire dal proprio momento difficile e non va oltre il 2-2 sul campo dell’Hellas Verona (+2), e non ne approfitta il Milan (+5) che cade rovinosamente per 4-2 sul campo del Monza (+3).

Per entrambe, tuttavia, la zona Champions League non sembra assolutamente a rischio, mentre l’ultimo posto disponibile continua ad essere un discorso a due tra Atalanta (+3) e Bologna (+10), attualmente a pari punti. I nerazzurri battono con un rotondo 3-0 il Sassuolo (-10) e contano ancora su una partita da recuperare, ma i rossoblù, dopo il successo nel recupero infrasettimanale contro la Fiorentina, battono 1-2 anche la Lazio (-11) e dimostra non di essere una piacevole sorpresa, ma una ormai solida realtà del torneo.

Roma quinta, calma piatta in zona retrocessione

Nel confronto tra la classifica di Serie A attuale e passata una delle squadre che ha fatto peggio delle altre è senza dubbio la Roma (-6), la quale, tuttavia, con lo 0-3 inflitto al Frosinone consolida il sesto posto e non dispera di tornare in lizza per il quarto. Poco più arretrata la Fiorentina (+7) che impatta per 1-1 nel derby toscano sul campo dell’Empoli (-6). Risultato sicuramente più gradito ai padroni di casa, i quali, così facendo, allontanano ulteriormente la zona retrocessione.

Non c’è pace invece per per il Napoli (-29), che non sfrutta il fattore casalingo e viene fermato sull’1-1 dal Genoa, mettendo seriamente a repentaglio la propria partecipazione a una competizione europea. A pari punti con gli azzurri c’è il Torino (+2), che nell’anticipo del venerdì batte 2-0 il Lecce (-3) e prova a insidiare tutte le rivali che lo precedono in graduatoria. Nulla di fatto, infine, nello scontro salvezza tra Udinese (-9) e Cagliari, che non vanno oltre l’1-1 e tengono in equilibrio ogni discorso, dal quale sembra estromessa la sola Salernitana. Ecco, nel dettaglio, la classifica di Serie A 2023-2024 dopo 25 giornate, con la differenza di punti rispetto alla scorsa stagione.

Confronto classifica Serie A 2023-2024 – 25^ giornata

  1. Inter 63 (+13)*
  2. Juventus 54 (+4)
  3. Milan 52 (+5)
  4. Atalanta 45 (+3)*
  5. Bologna 45 (+10)
  6. Roma 41 (-6)
  7. Fiorentina 38 (+7)
  8. Lazio 37 (-11)*
  9. Napoli 36 (-29)*
  10. Torino 36 (+2)*
  11. Monza 33 (+1)
  12. Genoa 30 (In Serie B)
  13. Lecce 24 (-3)
  14. Udinese 23 (-9)
  15. Frosinone 23 (In Serie B)
  16. Empoli 22 (-6)
  17. Sassuolo 20 (-10)*
  18. Hellas Verona 20 (+2)
  19. Cagliari 19 (In Serie B)
  20. Salernitana 13 (-12)

* = una partita in meno

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui