Serie A 2023/24, la classifica a confronto dopo 38 giornate

0

La Serie A è giunta alla conclusione della stagione 2023-2024, e anche gli ultimi verdetti del confronto tra la classifica finale e quella della scorsa stagione si sono finalmente concretizzati. Uno di quelli consolidati da oltre un mese era quello riguardante il titolo di campione d’Italia, conquistato dall’Inter (+22), che nell’ultima uscita stagionale pareggia 2-2 sul campo dell’Hellas Verona (+7) già salvo. Il Milan (+5), già sicuro del secondo posto, e la Salernitana (-25), retrocessa da diverse giornate, danno invece vita a uno scoppiettante 3-3. Dietro i rossoneri si piazza la Juventus (-1), vittoriosa per 2-0 sul Monza (-7) e che approfitta al meglio dello scivolone con lo stesso punteggio del Bologna (+14) sul campo del Genoa.

Tra le due litiganti, tuttavia, si inserisce l’Atalanta (+5), fresca dell’impresa storica del successo in finale di Europa League e che, col 3-0 sul Torino, si assicura almeno il quarto posto, in attesa del recupero contro la Fiorentina di domenica prossima. Così facendo, sfuma la possibilità di avere sei squadre italiane nella prossima Champions League. I bergamaschi, infatti, avrebbero dovuto chiudere al quinto posto per consentire anche alla Roma di accedere alla massima competizione europea. I giallorossi, tuttavia, dovranno accontentarsi dell’Europa League, così come i concittadini della Lazio (-13), che nell’ultima apparizione stagionale impatta sull’1-1 contro il Sassuolo (-15), retrocesso in cadetteria dopo undici stagioni.

Empoli, altro miracolo sportivo di Nicola. Frosinone sconfitto dall’Udinese e retrocesso

Nel confronto tra la classifica finale di Serie A attuale e quella passata, una delle squadre che ha fatto peggio è l’Empoli (-7). Gli azzurri, tuttavia, vincendo 2-1 all’ultimo respiro proprio contro la Roma, ottengono una salvezza a dir poco insperata, in pieno stile Davide Nicola, autentico artefice di questa ennesima impresa sportiva. I toscani, così facendo, agganciano il Cagliari, salvo da settimana scorsa, che nell’anticipo del giovedì aveva ceduto 2-3 in casa alla Fiorentina (+1), che centra un’altra qualificazione in Conference League. I viola, in settimana, saranno impegnati proprio nella seconda finale consecutiva della competizione, stavolta ad Atene contro l’Olympiacos. In caso di successo, accederebbero alla prossima Europa League, mentre in Conference ci andrebbe il Torino, diventando così nove le squadre italiane in Europa.

L’ultimo slot per la Serie B si è quindi deciso nello scontro diretto dello stadio Stirpe, tra Frosinone e Udinese (-9). I friulani hanno avuto la meglio nei minuti finali, vincendo 0-1 ed evitando di tornare in cadetteria dopo quasi 30 anni, costringendo invece a questa sorte gli avversari ciociari. Grande rammarico in casa gialloblù, dopo aver condotto una stagione a larghi tratti anche spettacolare dal punto di vista del gioco. La prima salvezza in massima serie, dopo tre partecipazioni, è quindi nuovamente rimandata. Il programma è stato completato dallo 0-0 tra Napoli (-37) e Lecce (+2). Risultato ininfluente per entrambe, ma col rammarico, per i padroni di casa, di non aver difeso al meglio il campionato vinto lo scorso anno. Ecco, nel dettaglio, la classifica finale di Serie A 2023-2024 dopo 38 giornate, con la differenza di punti rispetto alla scorsa stagione.

Confronto classifica Serie A 2023-2024 – 38^ giornata

  1. Inter 94 (+22) (CAMPIONE D’ITALIA)
  2. Milan 75 (+5) (CHAMPIONS LEAGUE)
  3. Juventus 71 (-1) (CHAMPIONS LEAGUE)
  4. Atalanta 69 (+5)* (CHAMPIONS LEAGUE)
  5. Bologna 68 (+14) (CHAMPIONS LEAGUE)
  6. Roma 63 (0) (EUROPA LEAGUE)
  7. Lazio 61 (-13) (EUROPA LEAGUE)
  8. Fiorentina 57 (+1)* (CONFERENCE LEAGUE)
  9. Torino 53 (0)
  10. Napoli 53 (-37)
  11. Genoa 49 (In Serie B)
  12. Monza 45 (-7)
  13. Hellas Verona 38 (+7)
  14. Lecce 38 (+2)
  15. Udinese 37 (-9)
  16. Cagliari 36 (In Serie B)
  17. Empoli 36 (-7)
  18. Frosinone 35 (In Serie B) (RETROCESSO IN SERIE B)
  19. Sassuolo 30 (-15) (RETROCESSO IN SERIE B)
  20. Salernitana 17 (-25) (RETROCESSA IN SERIE B)

* = una partita in meno

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui