Serie A 22/23, la classifica a confronto dopo 36 giornate

0

La Serie si avvicina a passi sempre più decisi al termine della stagione, e il confronto tra la classifica attuale e quella dello scorso anno sono sempre più chiare e definite. In particolare, torna vincere e consolida la propria leadership il Napoli (+13), che nel big match delle 18 di domenica batte 3-1 l’Inter (-12), che però resta al terzo posto in graduatoria. Allo stesso tempo, tuttavia la Lazio (+6) batte 0-1 l’Udinese (+2) e sale al secondo posto solitario, assicurandosi matematicamente un posto nella prossima Champions League. Una serie di cambiamenti dettati dalla notizia giunta nella serata di ieri e che ha sconvolto tutte le gerarchie.

La Juventus, infatti, è stata nuovamente penalizzata, ma stavolta di 10 punti, e in concomitanza i bianconeri sono stati clamorosamente sconfitti per 4-1 dall’Empoli (+5), di fatto dicendo addio alla qualificazione alla prossima Champions League, salvo nuovi stravolgimenti o una vera e propria impresa sportiva. Torna a sorridere invece il Milan (-16), che si ritrova al quarto posto vincendo con un più che convincete 5-1 contro la Sampdoria (-13), ormai già retrocessa e con la testa rivolta al futuro del club, sospeso tra la Serie B e l’ombra del fallimento.

Cremonese in Serie B, Hellas Verona a rischio

Una delle squadre che ha fatto meglio nel confronto tra la classifica di Serie A attuale e passata è anche il Bologna (+7), che nell’anticipo di sabato pomeriggio si impone con un imponente 1-5 sul campo della Cremonese. Un risultato che non cambia la classifica dei felsinei ma che invece si rivela molto pesante per i lombardi, che vengono così condannati matematicamente alla retrocessione in Serie B dopo un solo anno.

A rischiare molto c’è anche l’Hellas Verona (-22), sconfitto per 3-1 dall’Atalanta (+2), che ritorna così in lizza per la zona Champions League e inguaia i gialloblù col terzultimo posto solitario. Un risultato che giova sicuramente alla Salernitana (+9), che conquista matematicamente la salvezza e si toglie la soddisfazione di fermare sul 2-2 la Roma (+1), la quale, a sua volta, si allontana dal quarto posto. Un piccolo passo avanti in ottica salvezza lo compiono anche Lecce e Spezia (-2), che non si fanno male e pareggiano 0-0, staccando così gli scaligeri di un’ulteriore lunghezza.

Pari, ma per 1-1, anche tra Torino (+3) e Fiorentina (-9), le quali, così facendo, consolidano il piazzamento a centro classifica in coabitazione col Bologna. Davanti a questo trio si colloca invece lo scatenato Monza, che nel posticipo del venerdì vince, per 1-2, anche sul campo del Sassuolo (-4), e si conferma autentica rivelazione del torneo. Ecco, nel dettaglio, la classifica di Serie A 2022-2023 dopo 36 giornate, con la differenza di punti rispetto alla scorsa stagione.

Confronto classifica Serie A 2022-2023 – 36^ giornata

  1. Napoli 86 (+13) (CAMPIONE D’ITALIA)
  2. Lazio 68 (+6) (CHAMPIONS LEAGUE)
  3. Inter 66 (-12)
  4. Milan 64 (-16)
  5. Atalanta 61 (+2)
  6. Roma 60 (+1)
  7. Juventus 59 (0)*
  8. Monza 52 (In Serie B)
  9. Bologna 50 (+7)
  10. Torino 50 (+3)
  11. Fiorentina 50 (-9)
  12. Udinese 46 (+2)
  13. Sassuolo 43 (-4)
  14. Empoli 42 (+5)
  15. Salernitana 39 (+9)
  16. Lecce 33 (In Serie B)
  17. Spezia 31 (-2)
  18. Hellas Verona 30 (-22)
  19. Cremonese 24 (In Serie B) (RETROCESSA IN SERIE B)
  20. Sampdoria 18 (-15) (RETROCESSA IN SERIE B)

* = Juventus penalizzata di 10 punti, il confronto non ne tiene conto

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui