Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

0
Serie A femminile giornata 21

La giornata 18 chiude la prima fase del campionato di Serie A femminile con tanti gol, ma soprattutto con i verdetti per il prosieguo della stagione. Alla poule scudetto accedono la capolista Roma, la Juventus, la Fiorentina, il sorprendente Sassuolo e l’Inter. Relegate nella poule salvezza, invece, il Milan, il Como, la Sampdoria e le due campane Pomigliano e Napoli. Nessun ribaltone quindi, con tutte le posizioni confermate dall’ultimo turno, ma ciò nonostante l’ultimo giro della regular season regala tante belle ed entusiasmanti partite come andremo subito a scoprire attraverso  il nostro consueto rendimento gara per gara.

Serie A femminile, giornata 18: l’incredibile Sassuolo e l’affamata Roma

La giornata 18 della Serie A femminile si apre con un match che dà luce alla più grande sorpresa di questa stagione regolare. Parliamo ovviamente del Sassuolo, riuscito a salire fin in quarta posizione (a pari merito con l’Inter, ma con una miglior differenza reti), guadagnandosi quindi un posto di diritto nella poule scudetto. Uno straordinario risultato maturato grazie ad un girone di ritorno eccezionale in cui le neroverdi hanno strappato 6 vittorie in 9 partite, perendo solo contro le prime tre della classe. Non poteva dunque che chiudersi con un altro successo questo cammino delle emiliane.

A farne le spese è la Sampdoria, che però ha il merito di rendere ardua la faccenda. Le padrone di casa, infatti, carburano lentamente col passare del tempo, giungendo poi a un dominio pressoché assoluto nel corso del secondo tempo. Al minuto 53 è Kullashi a sbloccare la gara con una fantastica azione individuale. Riceve sulla destra, difende palla girandosi e puntando l’area di rigore, salta un paio di avversarie e piazza di potenza il pallone alle spalle di Karresmaa. Appena un quarto d’ora dopo, il Sassuolo chiude definitivamente i giochi con la sua colonna più rappresentativa. Daniela Sabatino di testa sfrutta una sponda di Filangeri e a porta vuota deposita il pallone anticipando la diretta marcatrice. Le doriane non riescono mai a reagire, addolcendo la festa per le padrone di casa.

Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

Missione compiuta anche per la Roma, che di misura vince in casa della Fiorentina, legittimando il primo posto. Le giallorosse approcciano in maniera feroce, spingendo a caccia del vantaggio. La più attiva di tutte è sicuramente Manuela Giugliano, che dopo due tentativi falliti, al terzo centra la porta. Siamo al minuto 43 quando la centrocampista si fa trovare puntuale in mezzo all’area per raccogliere l’assist dalla fascia sinistra dell’indomabile Haavi. Le ragazze di Spugna continuano a macinare gioco, costruendo una marea di occasioni, soprattutto in contropiede, ma non riescono a capitalizzare. E così, dopo 90 minuti molto difficili, le viola hanno una chance clamorosa nel recupero, ma sulla conclusione ravvicinata di Jóhannsdóttir, Ceasar si supera con un intervento superbo per reattività. Con questo successo, le capitoline possono già oggi festeggiare l’aritmetica qualificazione alla prossima Champions League.

Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

Serie A femminile, giornata 18: vince anche la Juve, goleada Como e derby…rossonero

La domenica della giornata 18 di Serie A femminile prosegue con la Juventus, che si sbarazza del Napoli tra le mura amiche. Le bianconere mettono subito grande pressione e passano avanti con Girelli, che trasforma al 9′ un calcio di rigore procurato dal braccio troppo largo di Pellinghelli ad arrestare un cross di Garbino. Dopo un brivido patito per le consuete amnesie difensive e sventato da una grande uscita di Peyraud-Magnin, la squadra di casa torna a spingere. Poco dopo il quarto d’ora di gioco, la numero 10 veste i panni della rifinitrice e accomoda un pallone da spingere solamente dentro per Thomas, che di testa non fallisce.

La partita si complica nettamente per le partenopee che non riescono a chiudere la prima frazione con soli 2 gol di svantaggio, nonostante le parate di Bačić. Proprio nell’ultimo minuto, infatti, Grosso cala il tris con una bella conclusione a fil di palo.

Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

Nemmeno nella ripresa s’interrompe il monologo bianconero, con un’altra serie infinita di opportunità per andare a segno. Tra tutte, la traversa di Caruso. Nel recupero, però, le ragazze di Montemurro arrotondano ulteriormente, ancora con Thomas, nel suo immancabile appuntamento col gol in zona Cesarini. La francese è opportunista nel ribadire col tap-in una respinta corta del portiere napoletano. La partita sembra avviarsi al suo epilogo e invece le partenopee, ripreso il gioco, trovano un sussulto per siglare il gol della bandiera. Una disattenzione della retroguardia juventina spiana la strada a Banusic per involarsi in porta. Stavolta l’uscita di Peyraud-Magnin non è tempestiva e la svedese viene travolta. È calcio di rigore: la stessa numero 10 trasforma dal dischetto.

Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

Festival del gol tra Pomigliano e Como

Due delle partecipanti alla poule salvezza archiviano la giornata 18 della Serie A femminile con un match in cui abbondano gol, emozioni e ribaltoni. Partenza clamorosa delle padrone di casa, che costruiscono un doppio vantaggio in 18 minuti. Conducono Ippólito e Apicella, entrambe a segno a porta quasi sguarnita. Al 40′ le campane hanno anche l’opportunità di portarsi sul 3-0, ma Arcangeli si fa parare un calcio di rigore.

Nella ripresa è tutto un altro Como. Al 58′ Martinovic accorcia le distanze tra la dormiente difesa delle padrone di casa, mentre all’ora esatta di gioco Rizzon agguanta il pareggio con un colpo di testa da corner. Le lombarde volano sulle ali dell’entusiasmo e 120 secondi dopo si procurano il secondo penalty della gara. Dagli 11 metri Kaján non fallisce e completa la rimonta. La partita è ben lungi dall’essere terminata e, infatti, continua a produrre emozioni nel giro di pochi istanti. Dopo l’errore dal dischetto, Nicole Arcangeli trova il modo di farsi perdonare e castiga la sua ex squadra. Il suo tentativo su calcio di punizione viene respinto dalla barriera, ma sulla ribattuta la classe ’98 lascia partire un gran sinistro che non lascia scampo a Korenciová.

Serie A femminile, giornata 18: si chiude la stagione regolare

La parità perdura e sembra destinata ad arrivare alla fine, viste le traverse colpite da Rabot prima e Sevenius poi, ma proprio nell’ultimo minuto di recupero Martinovic trova di testa il gol della vittoria con un autentico colpo di biliardo. Quarta sconfitta consecutiva per le campane, che chiudono la stagione regolare all’ultimo posto.

Il derby di Milano

L’ultimo atto della giornata 18 della Serie A femminile è il derby tra Milan e Inter. Le rossonere vendicano la sconfitta dell’andata e portano a casa la stracittadina, anche se ininfluente per il destino delle due squadre. Primo tempo arrembante delle ragazze di Corti che vanno subito in vantaggio grazie all’autorete di Alborghetti, imprecisa nella deviazione. Il Milan conduce in assolo, giocando alla grande e macinando occasioni, ma il raddoppio arriva soltanto al minuto 34′ con Stasková, fortunata nel vincere il rimpallo con Cetinja. Prima dell’intervallo, però, l’Inter dimezza lo svantaggio sfruttando la prima vera azione da gol della sua partita. Serturini va via a Guagni e fa tutto da sola, converge col destro e firma un gol dei suoi col tiro a giro sul palo lontano.

Nella ripresa, le nerazzurre provano in tutti i modi ad agguantare il pareggio, ma alla mole di gioco costruita non corrispondono tentativi altrettanto pericolosi. La squadra di Guarino si appresta ora ad affrontare la poule scudetto, anche se nelle ultime giornate ha perso una posizione. Per le rossonere, invece, l’ineluttabile poule salvezza.

Diciottesima giornata: riassunto e classifiche

Sabato 17

Sassuolo-Sampdoria 2-0 [53′ Kullashi, 69′ Sabatino]

Fiorentina-Roma 0-1 [43′ Giugliano]

Domenica 18

Juventus-Napoli 4-1 [9′ Girelli (J), 17′ e 90+1′ Thomas (J), 45′ Grosso (J), 90+4′ Banusic]

Pomigliano-Como 3-4 [9′ Ippólito (P), 18′ Apicella (P), 58′ e 90+5′ Martinovic (C), 60′ Rizzon (C), 63′ Kaján (C), 69′ Arcangeli (P)]

Milan-Inter 2-1 [9′ aut. Alborghetti (M), 34′ Stasková (M), 45′ Serturini (I)]

CLASSIFICA:

Roma 51

Juventus 43

Fiorentina 39

Sassuolo 26

Inter 26

Milan 21

Como 21

Sampdoria 18

Napoli 6

Pomigliano 6

POULE SCUDETTO: Roma, Juventus, Fiorentina, Sassuolo, Inter.

POULE SALVEZZA: Milan, Como, Sampdoria, Napoli, Pomigliano.

Classifica marcatrici:

8 – Boquete (Fiorentina), Girelli, Thomas (Juventus);

7 – Giugliano, Viens, Linari (Roma), Catena (Fiorentina), Beerensteyn (Juventus);

6 – Giacinti (Roma), Cambiaghi (Inter), Stasková (Milan).

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui