Serie A femminile, giornata 21: è tornata la Juventus

0
Serie A femminile giornata 22

La Serie A femminile scende in campo a ridosso della Pasqua con la giornata 21, prima di arrestarsi nuovamente per lasciar spazio alle partite del girone di qualificazione per Euro2025 delle Nazionali. Le sorprese più ghiotte vengono raccolte da Milan e Juventus che rifilano entrambe un poker, rispettivamente a Como e Fiorentina. Colpaccio poi del Napoli, che ferma la corsa straordinaria della Sampdoria vincendo in casa per 2-0. Sofferto, sudato e strappato con i denti e il carattere, invece, il successo della Roma nella trasferta contro l’Inter. Sul versante classifiche, le partenopee fanno un bel balzo in avanti, portandosi a 4 punti di vantaggio sulle cugine del Pomigliano. Le bianconere, invece, rimangono ancora a -10 dalle capitoline, ma guadagnano un vantaggio più confortevole sulle viola, ora staccate di 8 lunghezze.

Andiamo a ripercorrere le emozioni e i momenti salienti delle gare di questa giornata 21 della Serie A femminile attraverso il nostro consueto resoconto.

Serie A femminile, giornata 21: Roma corsara a Milano

La giornata 21 di Serie A femminile si apre con l’intrigante sfida tra Inter e Roma, unico anticipo del turno, disputatosi venerdì 29. Non è stata assolutamente una trasferta agevole per le campionesse d’Italia, che davanti a sé hanno trovato una squadra ostica, che ha confermato ancora una volta l’importante passo avanti compiuto in questo 2024 dal punto di vista non soltanto squisitamente tecnico, ma anche sul piano della mentalità.

Le giallorosse arrivano comunque preparate a quest’insidia e partono bene, come loro solito. Al minuto 6, sfruttano un corner battuto corto per sorprendere la difesa un po’ disattenta di Guarino. Giacinti scambia con Giugliano, con quest’ultima che chiude il triangolo riversando il pallone dentro l’area con una traiettoria molto arcuata. La sfera infatti va a sbattere sulla traversa e la più lesta di tutte ad intervenire è Kumagai, che ribadisce a pochi centimetri dalla linea dopo la sbadata deviazione di braccio di Cambiaghi.

Sbloccato il match, la Roma cerca di condurre la partita, ma non lo fa con la cattiveria e la padronanza a cui ci ha abituato in queste ultime due stagioni. Mancano i guizzi di Haavi sulla destra, mentre Giacinti è insolitamente imprecisa in fase conclusiva. L’Inter così ha modo di crescere e guadagnare fiducia per proporsi davanti, dando segni di reazione col palo di Cambiaghi al 40′. Tuttavia, i ritmi nella prima frazione di gioco si mantengono estremamente bassi con pochi altri sussulti degni di nota.

Di ben altra pasta, invece, la ripresa. Le nerazzurre caricano con grande voga, trascinate dalle due grandi ex della partita Serturini e Bonfantini. È proprio quest’ultima a trovare il gol del pareggio all’ora di gioco, imbeccata sul secondo palo da Cambiaghi al termine di una sua straripante azione sulla sinistra in contropiede. L’Inter è ormai padrona del match e grazie anche all’energia della neoentrata Polli, macina occasioni su occasioni, con l’unica pecca di non essere riuscita a concretizzarle. La Roma, in difficoltà, si affida alle forze fresche dalla panchina. La mossa vincente di Spugna è l’inserimento di Troelsgaard, che al minuto 89 batte Cetinja con la complicità della determinante deviazione di Bowen.

Serie A femminile, giornata 21: è tornata la Juventus

Serie A femminile, giornata 21: il programma della Poule salvezza

Per quanto concerne il raggruppamento della salvezza, la giornata 21 della Serie A femminile ci regala due risultati notevoli. Il colpaccio del turno lo firma il Napoli, che all’ora di pranzo vince in casa contro la Sampdoria, arrestandone la striscia di successi consecutivi. Eppure per le partenopee la partita non è stata così facile. Soprattutto nel primo tempo, quando le ospiti hanno dominato con un monologo quasi assoluto, anche se Schatzer e compagne non sono riuscite a pungere. Decisamente pesante l’assenza dal primo minuto della mattatrice di queste prime due sfide della post season Talia Della Peruta.

Nella ripresa, però, il Napoli viene fuori e al minuto 51 passa in vantaggio grazie ad un’indecisione di Tampieri, che di fatto manda nella propria porta un corner di Banusic. Le doriane si sbilanciano a caccia del pareggio, ma nel finale vengono poi nuovamente punite in contropiede dalla neoentrata Lázaro, che lanciata in porta dribbla l’estremo difensore e deposita il pallone in rete. Punti importantissimi per la squadra di Seno, che si allontana dall’ultimo posto che vorrebbe dire retrocessione diretta in Serie B.

Serie A femminile, giornata 21: è tornata la Juventus

Straordinario exploit anche del Milan, che nella partita di chiusura della giornata 21 della Serie A femminile si aggiudica il derby lombardo col Como, alla prima sotto la guida del neotecnico Maccoppi. Le rossonere partono fortissimo con una Dompig scatenata, a segno già dopo 5 minuti con un diagonale all’angolino basso. Le padrone di casa reggono come possono l’urto delle ragazze di Corti e senza demordere agguantano anche il pareggio al minuto 27. Tutto merito della caparbietà di Monnecchi, che sulla sinistra riesce a costruirsi lo spazio per crossare e disegna una traiettoria perfetta per il grandissimo colpo di testa di Karlernäs, che trafigge Giuliani.

Nel finale del primo tempo, le ospiti tornano a macinare gioco e si scaldano per la surclassante ripresa. Al minuto 55, Vigilucci raccoglie un rinvio troppo corto di Korenciová e senza indugiare lascia partire un gran destro dalla distanza, potente, ma soprattutto preciso per superare il portiere slovacco. Riacquisito il vantaggio, il Milan dilaga. Laurent, subentrata, comincia il proprio show personale firmando una doppietta. La prima rete al 76′ con un movimento famelico sul primo palo. La seconda, invece, appena 120 secondi dopo con una conclusione a fil di palo che s’insacca nell’angolino basso lontano.

Quarto successo consecutivo per le rossonere che legittimano la prima posizione nel raggruppamento salvezza, ma al tempo stesso vedono aumentare i rimpianti per non aver mantenuto questa verve anche durante la stagione regolare.

Si è smarrita la Fiorentina sotto i colpi di Echegini

L’altro poker della giornata 21 della Serie A femminile è quello rifilato dalla Juventus ad una Fiorentina mai apparsa così inerme come in questa seconda fase del campionato. Le bianconere ormai sembrano essersi riprese alla grande dopo l’esonero di Montemurro. Il cambio di modulo, più offensivo, con Beerensteyn tornata ad occupare la posizione di esterno alto di sinistra e Girelli nuovamente al centro dell’attacco e, soprattutto, del progetto hanno dato nuova linfa alla Vecchia Signora. Contro le viola l’assoluta protagonista è Echegini, la giovanissima nigeriana arrivata nel mercato invernale e autrice di una straripante tripletta che la porta già a quota 8 reti in appena 3 mesi di calcio italiano.

Ad aprire il fuoco è Grosso al minuto 10 con un meraviglioso sinistro a giro nell’angolo alto che non lascia scampo a Baldi.

Serie A femminile, giornata 21: è tornata la Juventus

Da questo momento in poi, il proscenio passa all’ex giocatrice dell’Università della Florida. Al 13′ raccoglie l’assist dell’ala olandese con un inserimento a rimorchio, controllo a seguire e battuta mancina sul palo lontano. Nella ripresa, Beerensteyn torna a fare il vuoto, mentre la Fiorentina si sfalda concedendo delle praterie alle incursioni delle bianconere. Al 55′ altra connessione tra l’ex Bayern e la classe 2001, che riceve al limite dell’area e trova la porta stavolta di destro e con una deviazione. Dulcis in fundo, al minuto 61, un piattone di prima al centro dell’area, perfettamente imbeccata dall’assist di una inarrestabile Boattin.

Ventunesima giornata: riassunto e classifiche

POULE SCUDETTO

Inter-Roma 1-2 [6′ Kumagai (R), 60′ Bonfantini (I), 89′ Troelsgaard (R)]

Juventus-Fiorentina 4-0 [10′ Grosso, 13′, 55′ e 61′ Echegini]

RIPOSA: Sassuolo

  1. Roma 57
  2. Juventus 47
  3. Fiorentina 39
  4. Inter 30
  5. Sassuolo 29

POULE SALVEZZA

Napoli-Sampdoria 2-0 [51′ Tampieri aut., 83′ Lázaro]

Como-Milan 1-4 [5′ Dompig (M), 27′ Karlernäs (C), 55′ Vigilucci (M), 76′ e 78′ Laurent (M)]

RIPOSA: Pomigliano

  1. Milan 27
  2. Sampdoria 24
  3. Como 22
  4. Napoli 10
  5. Pomigliano 6

Classifica marcatrici:

9 – Girelli (Juventus), Giugliano (Roma);

8 – Boquete (Fiorentina), Thomas, Echegini (Juventus);

7 – Beerensteyn (Juventus), Cambiaghi (Inter), Giacinti, Viens, Linari (Roma), Catena (Fiorentina).

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui