Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

0

La stagione della Serie A femminile è ormai giunta al termine, col campionato concluso e la Coppa Italia assegnata. È stato un anno molto intenso, ovviamente ricco di soddisfazioni per alcune e magro di gioie per altre, ma pur sempre con la consapevolezza che il movimento ha compiuto altri piccoli passi in avanti verso un’affermazione sempre maggiore nel nostro Paese e verso un avvicinamento costante alle altre realtà europee. Oggi vogliamo proporvi un nostro bilancio di quest’annata 2023/2024 della Serie A femminile attraverso le pagelle, come già avvenuto per la scorsa. Assegneremo un voto ad ognuna delle 10 squadre che hanno partecipato, analizzandone i momenti importanti, esaltanti o meno che siano. 

Come in ogni classe che si rispetti, troveremo alunni straordinariamente meritevoli, altri che proprio non sono riusciti a inserirsi appieno nelle dinamiche dell’alta competitività e anche chi, nonostante i mezzi, ha reso meno di quanto avrebbe potuto e dovuto. Inoltre, dalle nostre pagelle della Serie A femminile emergerà come diverse compagini hanno avuto un clamoroso rovesciamento di rendimento tra la stagione regolare e la post-season.

Serie A femminile, le pagelle: la promossa a pieni voti 

ROMA 10 – Iniziamo questa nostra rassegna delle pagelle alle squadre della Serie A femminile con la migliore di tutte. Un anno trionfale può riuscire a tutti, ma la vera sfida è riconfermarsi. È da qui che si misura la grandezza di una squadra e in questo senso, quella di Spugna si è dimostrata gigante. Secondo Scudetto consecutivo, stravinto sbranando il campionato, mettendo a referto una striscia di 12 vittorie consecutive nella prima metà di campionato, per un totale di 23 successi in 26 giornate! Con tanto di miglior attacco (74 gol fatti) e miglior difesa (24).

Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

Il tutto nonostante il gravoso impegno in Champions, in un girone di ferro che ha sfortunatamente visto le capitoline non qualificarsi ai quarti, la sconfitta in Supercoppa e il cammino netto in Coppa Italia, vinta poi contro la Fiorentina. Insomma, un’annata pazzesca che lascia una consapevolezza incontrovertibile: la Roma è (ancora) la squadra più forte d’Italia e non ha nessuna intenzione di abdicare.

Le altre che hanno ben figurato

SASSUOLO 8 – La grandissima rivelazione della Serie A femminile 2023/2024 che merita un bel voto nelle nostre pagelle. Le neroverdi non solo hanno migliorato il proprio rendimento rispetto allo scorso campionato (passando dalla Poule salvezza a quella Scudetto), ma hanno disputato una seconda parte di stagione clamorosa. Il piazzamento al quarto posto, davanti all’Inter, rende perfettamente l’idea dell’upgrade operato dalle ragazze di Piovani, ormai diventato tecnico ambito ai piani alti del calcio femminile italiano. Il Sassuolo ha dato spettacolo per gran parte della stagione. Ha anche subito tanto, certo, ma ha saputo regalare emozioni a profusione. L’ingrediente fondamentale di questa ricetta gaudente è stato sicuramente il riuscito mix tra l’esuberanza tecnica delle giovani (da Sciabica alla stessa Beccari) e la saggezza delle veterane come l’eterna Sabatino

JUVENTUS 7 – Altra annata da inseguitrice della Roma per la Vecchia Signora, che stavolta ha visto la propria acerrima rivale sconquassare il campionato senza mai dare segni di cedimento. Se le giallorosse hanno il merito di aver disputato una stagione clamorosa, sulle bianconere pende però qualche aggravante. Quella più importante, e al contempo anche più dolorosa, è stata sicuramente la mancata qualificazione alla fase finale della Champions League. Nonostante questo (grave) ammanco, che avrebbe dovuto permettere alla Juve di avere maggiori riserve di energie nel corso dell’anno, non sono arrivati i risultati sperati. Unici barlumi di gioia sono la conquista della Supercoppa italiana (ultimo trofeo per Montemurro) e l’approdo in Europa per la sesta volta consecutiva. 

Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

FIORENTINA 7 – Se parliamo di competizioni del Vecchio Continente, non possiamo non citare e premiare con un’ottima votazione la terza forza del campionato. Grazie ad una regular season strepitosa, la squadra viola tornerà a disputare la Champions dopo 3 anni. Un traguardo fondamentale per le ragazze di De la Fuente, che però nella seconda parte di stagione non sono riuscite a mantenere lo stesso alto livello di rendimento. Se infatti per molti mesi hanno insidiato la Juventus come possibile anti-Roma, durante la Poule Scudetto c’è stato un crollo vertiginoso. Il bilancio è impietoso: 3 pareggi, 5 sconfitte e nessuna vittoria. Bisogna migliorare per competere su tre fronti, ma per il momento è giusto godersi il raggiungimento dell’obiettivo. Sfumata, poi, l’opportunità di aggiudicarsi un trofeo con la disfatta ai rigori nella finale di Coppa Italia contro le giallorosse.

Serie A femminile, le pagelle: chi può ma non si applica

Vediamo adesso insieme quelle squadre che, pur avendo comunque raggiunto la sufficienza nelle nostre pagelle sulla Serie A femminile, avrebbero potuto fare meglio rispetto ai mezzi a disposizione.

MILAN 6.5 – Partiamo con la formazione rossonera che, rispetto alle altre presenti a questo punto dell’approfondimento, ha visto un progressivo miglioramento nella seconda parte di stagione. Sulla squadra c’erano grandi aspettative. In molti, infatti, si attendevano il definitivo salto di qualità che avrebbe dovuto consentire al Milan di contendersi una piazza per l’Europa. Convinzione ulteriormente rinsaldata dall’aumento dei posti utili per accedervi. E invece non è stato così. Cambio d’allenatore in corso d’opera, risultati altalenanti e sesto posto in classifica che vale la Poule salvezza. Da questo momento in poi, però, la corsa rossonera subisce uno switch clamoroso. Percorso netto con 6 vittorie e 2 pareggi e raggruppamento stradominato con uno score inferiore solo alle prime tre della classe.

Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

INTER 6.5 – Spostiamoci sulla sponda delle cugine nerazzurre. In questo caso parliamo invece di una squadra che è stata molto scostante per tutto l’arco della stagione. La prima in grado di arrestare il cammino immacolato della Roma, ma anche la stessa capace di lasciare punti preziosi per strada contro avversarie che competevano per ben altri obiettivi. Una stagione che è stato lo specchio di una rosa molto valida, ma al tempo stesso giovane e dunque ancora alla ricerca del giusto equilibrio. A tal proposito, merita una menzione la sessione invernale di mercato, che ha innalzato e non poco il livello della squadra. Soprattutto con l’avvento di una giocatrice esperta e di spessore internazionale come Magull, che si è subito imposta come leader e trascinatrice. Le nerazzurre, presumibilmente senza Guarino, devono ora provare ad alzare l’asticella.

COMO 6.5 – Le nostre pagelle sulla Serie A femminile continuano a parlare lombardo. A inizio campionato, le lariane sembravano lanciatissime al conseguimento del titolo di sorpresa dell’anno. Poi, però, un lento declino (con un digiuno da vittorie durato 3 mesi) fino a scivolare nella seconda metà della classifica. Durante la Poule salvezza non c’è stato alcun particolare acume con una conduzione ordinaria e tutto sommato tranquilla. Nella penultima giornata, invece, il Como si è reso protagonista in veste di arbitro del derby campano per la salvezza. La vittoria per 2-0 inflitta al Pomigliano, infatti, ha condannato le Pantere alla retrocessione diretta.

Una sufficienza risicata per chi ha svolto il proprio compitino

SAMPDORIA 6 – Appena sufficiente il nostro voto nelle pagelle della Serie A femminile per le doriane. La squadra ligure, esattamente come l’anno scorso, è stata relegata nel raggruppamento di fondo, ma con una differenza. Stavolta la gestione della salvezza è stata decisamente più agevole. Nessun particolare sussulto, a parte l’esplosione del purissimo talento di Della Peruta, né tanto meno affanno nel riconquistarsi un posto nel prossimo massimo campionato italiano.

Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

Serie A femminile, le pagelle: rivedibili le due campane

Eccoci giunti alle dolenti note delle nostre pagelle della Serie A femminile 2023/2024, che coinvolgono le due realtà campane. Entrambe hanno trascorso l’intera stagione a battagliare tra penultimo e ultimo posto in una continua sofferenza perdurata fino alla giornata 27.

NAPOLI 5.5 – Le partenopee si beccano una lieve insufficienza, che però si arrotonderà facilmente per eccesso in sede di ultimi scrutini. Ciò grazie allo spareggio vinto ai danni della Ternana che consente loro il recupero dal debito e la possibilità di giocare ancora in Serie A anche nella prossima stagione. Per il resto, questa rimane un’annata difficile, d’altronde parliamo pur sempre di una neopromossa, che è comunque riuscita a strappare il punto decisivo nel momento più delicato. Nota stonata il dato dei gol fatti (20) che certifica la squadra di Seno come il peggior attacco del campionato.

Serie A femminile, le pagelle della stagione 2023/2024

POMIGLIANO 4 – Fanalino di coda e retrocessa in Serie B con la difesa più bucata della Serie A: basterebbe questo a giustificare la peggior valutazione nelle nostre pagelle del campionato femminile. Alle Pantere non sono bastati ben 3 allenatori diversi per provare a invertire un trend negativo inarrestabile. Solamente 2 vittorie in tutta la stagione, entrambe arrivate contro le cugine in casa. La prima a novembre, la seconda e ultima nella giornata conclusiva, quando ormai il sipario era già calato per le ragazze di mister Carannante. 

Si conclude qui la nostra rassegna sul bilancio stagionale delle squadre femminili. Noi vi diamo appuntamento al prossimo e ultimo appuntamento con la Serie A.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui