Serie A, giornata 26: pro e contro con il dominio dell’Inter

0

Messa in archivio un’altra lunga giornata di campionato, il fine settimana ha raccontato molti appuntamenti, interessanti in ottica classifica. La giornata 26 di Serie A presenta così dei pro e contro molto combattuti, in particolar modo per ciò che riguarda l’aspetto negativo del weekend. Non è infatti possibile trovare una gara “noiosa”, rispetto al solito. Inter e Juventus vincono contro Lecce e Frosinone, successo al cardiopalma per la Roma di De Rossi contro il Torino, mentre i due big match si chiudono con un pareggio tra Milan e Atalanta e un successo in rimonta della Fiorentina sulla Lazio.

Serie A: pro e contro giornata 26

Una classifica ben delineata, pronta a dipingerse completamente con i due recuperi della giornata 21. Dopo 26 appuntamenti, però, le gerarchie sono chiare: l’Inter è la squadra da battere, con Juventus e Milan che completano il podio. Sogno Bologna ancora vivo, con l’Atalanta che segue e Roma e Fiorentina che cercano di tenere il passo. Rendimento altalenante per Lazio e Napoli.

Ai piani bassi si scuote la testa: Salernitana ormai ultima, mentre Cagliari, Hellas Verona e Sassuolo si giocano la salvezza. Rinascita dell’Empoli e Genoa e Monza vicine alla permanenza aritmetica.

I pro

Non è stato affatto semplice decidere quale fosse la partita più bella, perché ci sono stati tre match con il medesimo risultato. La scelta ricade però su Roma-Torino, sfida vivace e interessante. Il confronto si apre con il gol su rigore di Dybala al minuto 42, anche se l’argentino protagonista dell’intera sfida. Poche lancette d’orologio per agguantare il pareggio grazie a Zapata. L’intervallo si chiude dunque così, mentre la ripresa parte forte: prima al minuto 57 e poi al minuto 69, sempre e solo Paulo Dybala. Tripletta e partita sul 3-1, riaperta nei minuti finali a causa di un’autorete di Huijsen.

Terminata 3-2, la sfida ha regalato emozioni e gol, con la Roma che corre a buone falcate.

Serie A, giornata 26: pro e contro con il dominio dell'Inter

I contro

Con tutte le partite che hanno mostrato almeno una rete, non c’è una vera e propria nota dolente. Si è scelta dunque Salernitana-Monza, più che altro per la “forza” della gara in sé. Tutto succede nell’ultimo quarto d’ora, con Daniel Maldini che va a segno al termine di una bellissima azione e Pessina che chiude i conti.

Uno 0-2 letale per i campani, sempre più vicini alla retrocessione. I brianzoli sorridono e confermano la volontà di rimanere nella massima serie.

Serie A, giornata 26: pro e contro con il dominio dell'Inter

Pro e contro giornata 26: menzioni d’onore e conclusioni

Prima di concludere è giusto soffermarsi sul nuovo Empoli targato Davide Nicola. Una compagine rinata sotto il profilo del gioco, dei risultati e, soprattutto, dell’identità. A quota 25 punti, i toscani adesso pensano davvero di potersi salvare.

La Serie A non è ancora finita, preparatevi ad altre sorprese.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui