Serie A, la classifica a confronto dopo 23 giornate

0
Serie A, la classifica a confronto dopo 23 giornate

La Serie A si appresta a vivere la prima pausa del 2022 per gli impegni delle Nazionali, e la classifica col relativo confronto rispetto alla scorsa stagione non regala particolari sorprese. In vetta torna a vincere, con tanta fatica e in rimonta, l’Inter, che batte 2-1 un Venezia coriaceo e caparbio. Finisce, invece, a reti inviolate il big-match tra il Milan e la Juventus (-6), le quali, di conseguenza, rallentano la corsa ai rispettivi obiettivi. Agguanta i rossoneri al secondo posto il Napoli, che nel derby campano impone un pesante 4-1 al fanalino di coda Salernitana, ancora rimaneggiata dai tanti casi di covid-19. La compagine azzurra sta vivendo un ottimo momento di forma, e i 9 punti in più rispetto all’anno scorso ne sono una chiara conferma.

Con Lazio (-7) e Atalanta che si annullano a vicenda nello 0-0 dello stadio Olimpico, ne approfitta la Roma (-6) che annienta l’Empoli per 2-4 nel match delle 18:00 di domenica e avvicina il quarto posto, distante cinque lunghezze. Le due compagini capitoline rientrano nel gruppetto di quelle che stanno andando peggio rispetto al 2020-2021, ma nonostante ciò, soprattutto i giallorossi, sono più che mai in lotta per un posto in Europa, in particolare quella che conta. Con quindici partite da disputare è tutto più che mai possibile.

Torino e Fiorentina sempre al top, genovesi in crisi nera

Continuano a lottare per un posto in Europa, e a conservare il miglior saldo punti nel confronto tra la classifica di Serie A attuale e passata, la Fiorentina (+11) e il Torino (+12). I viola, in particolare, agguantano l’1-1 a Cagliari (+2) dopo aver rischiato in più di un frangente di uscire senza punti dall’insidiosa trasferta. I granata, invece, dopo il vantaggio firmato Antonio Sanabria, si lasciano sfuggire la vittoria negli ultimi minuti, col Sassuolo (-6) capace di agguantare l’1-1 grazie a una rete di Giacomo Raspadori. Possibile outsider anche l’Hellas Verona (-1), che nell’anticipo del venerdì batte 2-1 il Bologna (+2), giunto alla settima sconfitta di fila e più che mai in crisi.

Genova, proprio malgrado, da qualche settimana a questa parte è la “capitale” di chi sta facendo peggio di tutti rispetto alla scorsa stagione. E nonostante il doppio cambio in panchina la musica non sembra essere cambiata. In particolare il nuovo Genoa di Alexander Blessin raccoglie un punto contro l’Udinese (-1), ma resta al penultimo posto, in virtù dei 13 punti in meno rispetto all’anno scorso, a cinque lunghezze dal quartultimo posto. Meglio, ma di poco, la Sampdoria (-10), che viene sconfitta 1-0 nel derby ligure dallo Spezia (+1) e vede avvicinarsi la zona calda della graduatoria a tre lunghezze. I bianconeri, dal canto proprio, l’hanno allontanata di sette punti, in virtù di un ottimo momento di forma. Ecco, nel dettaglio, l’attuale classifica di Serie A 2021-2022 dopo 23 giornate, con la differenza di punti rispetto alla scorsa stagione.

Confronto classifica Serie A 2021-2022 – 23^ giornata

  1. Inter 53 (0)*
  2. Napoli 49 (+9)
  3. Milan 49 (0)
  4. Atalanta 43 (0)*
  5. Juventus 42 (-6)
  6. Roma 38 (-6)
  7. Fiorentina 36 (+11)*
  8. Lazio 36 (-7)
  9. Hellas Verona 33 (-1)
  10. Torino 32 (+12)*
  11. Sassuolo 29 (-6)
  12. Empoli 29 (In Serie B)
  13. Bologna 27 (+2)*
  14. Spezia 25 (+1)
  15. Udinese 24 (-1)*
  16. Sampdoria 20 (-10)
  17. Venezia 18 (In Serie B)*
  18. Cagliari 17 (+2)
  19. Genoa 13 (-13)
  20. Salernitana 10 (In Serie B)**

*= una partita in meno
**= una partita in meno e -1 di penalità dopo il 3-0 a tavolino contro l’Udinese deciso dal Giudice Sportivo

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui