Serie A, le sorprese del fantacalcio 2021/2022

0

Si è concluso l’ennesimo campionato di Serie A, così come un’altra stagione di fantacalcio e quali sono state le sorprese, forse addirittura decisive per svoltare il vostro campionato? La redazione di 11contro11 ha stilato una lista di 3 giocatori per ruolo, analizzando l’andamento del giocatore in stagione.

Le sorprese al fantacalcio, i portieri

Lukasz Skorupski: la lista delle sorprese al fantacalcio inizia con il polacco, partito come profilo a basso costo, per una squadra di metà classifica come il Bologna. Ciò che ha maggiormente colpito è stata la continuità, con ben 11 clean sheet e prestazioni oltre la media. Oltre ai confronti con big come Inter, Juventus, Milan e Roma, in cui ha ben figurato. Affermato.

Pietro Terracciano: l’indiziato a partire titolare sembrava il connazionale di Skorupski, Dragowski. Invece, l’espulsione alla 1a giornata contro la Roma e una serie di gare negative hanno promosso alla titolarità il classe 1990. Il quale, ad esclusione di qualche uscita a vuoto, si è ben disimpegnato. 43 reti subite e un rigore parato, attende il sostituto di Dragowski per la prossima stagione. Per capire se contenderà una nuova maglia da titolare.

Guglielmo Vicario: di proprietà del Cagliari, ad Empoli l’estremo difensore è stato determinante per la salvezza del club. 2 rigori intercettati, ha spesso rappresentato l’ultimo baluardo di una difesa non sempre ermetica. Ora in Sardegna si discuterà del suo futuro, indubbiamente lontano dall’isola. 

Serie A, le sorprese del fantacalcio 2021/2022

Le sorprese al fantacalcio, i difensori

Destiny Udogie: che il baby classe 2002 fosse un elemento interessante lo si era già compreso ai tempi del Verona. Che avrebbe però già disputato una stagione di alto livello, no. Nella prima parte di stagione si è adattato al campionato, mentre dopo il giro di boa ha firmato ben 5 reti (tra cui una a San Siro contro il Milan). Spesso letale negli inserimenti, ha fatto la fortuna dell’Udinese assieme al dirimpettaio Molina. E ora le big bussano alla porta.

Raoul Bellanova: il Cagliari non ha evitato la retrocessione, ma il terzino Primavera Milan ha fatto valere le sue doti. Dala 10a giornata in poi, non ha praticamente mai abbandonato l’out di destra, perfezionando anche una rete e un assist. A 22 anni, i sardi lo hanno riscattato dal Bordeaux, anche se inevitabilmente le sirene della massima serie lo chiameranno. Inter e Fiorentina si stanno già informando.

Aaron Hickey: un altro felsineo compare in questa lista. Lo scozzese è un pupillo di Sinisa Mihajlovic, attento ai giovani e abile a lanciarli nella mischia. E lui non ha tradito, nemmeno chi aveva puntato qualche fantamilione su di lui. 5 centri e una titolarità mai messa in discussione, grazie a un’ottima costanza. 

Serie A, le sorprese del fantacalcio 2021/2022

Le sorprese al fantacalcio, i centrocampisti

Nedim Bajrami: lo svizzero ha confermato le ottime impressioni dello scorso anno in cadetteria. Profilo low-cost, ha trascinato i toscani soprattutto nella prima parte della stagione, con sei gol, salvo poi spegnersi un po’ nel ritorno. Ad ogni modo, è un profilo su cui puntare per il prossimo anno.

Davide Frattesi: a Monza aveva fatto intravedere le sue ottime doti di inserimento. A Sassuolo ha giocato nel vertice basso del 4-2-3-1 di Alessio Dionisi, avendo maggiori compiti difensivi. Nonostante ciò, è riuscito a raggiungere il +3 quattro volte, sorprendendo per continuità e sacrificio. Una dote non passata inosservata ai fantallenatori e alle grandi squadre.

Adrien Tameze: per caratteristiche e fisico, il francese è stato paragonato a Kessié. Ottimo in fase di interdizione, il centrocampista a disposizione di Igor Tudor ha anche messo a segno quattro gol, contribuendo a buoni voti per i suoi fantallenatori. Profilo da valutare anche per la prossima annata.

Serie A, le sorprese del fantacalcio 2021/2022

Gli attaccanti

Beto: arrivato come un oggetto misterioso, il portoghese, dopo un fisiologico periodo di ambientamento, si è preso nelle mani l’attacco dell’Udinese. Alla sua prima stagione in Italia ha raccolto un bottino di ben 11 reti, forse maggiore se non fosse stato frenato da un infortunio. Lo scorso anno era a prezzo di saldo, quest’anno lo si pagherà caro.

Andrea Pinamonti: il classe 1999 delle giovanili dell’Inter ha raggiunto il record di reti gonfiate in A: 13. L’Empoli si è spesso aggrappato ai suoi gol per la permanenza in massima serie e tra le sue perle figura anche un gol a San Siro proprio ai nerazzurri, inutile poi ai fini del risultato. In attesa del suo futuro

Daniele Verde: il nativo di Napoli è stato uno degli elementi di spicco dello Spezia di Thiago Motta, cannoniere della squadra con 8 reti, numeri niente male per un esterno di attacco. Ben 6, inoltre, gli assist messi a referto, cifre che hanno consentito chi ha speso su di lui, di avere un giocatore stabile e in grado di portare bonus pesanti. 

Serie A, le sorprese del fantacalcio 2021/2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui