Serie A, qual è il peso dei gol degli attaccanti nel girone d’andata?

0

È ormai un luogo comune, anche ampiamente inflazionato, che i gol degli attaccanti vadano pesati e non meramente contati. E cioè che non basta segnare tanti gol, ma in qualche modo devono risultare pure decisivi per l’economia generale della propria squadra per poter essere annoverati tra i grandi bomber. Ebbene, come dimostrano le ultime tendenze in giro per l’Europa, sembra essere tornata in auge in maniera sempre più preponderante l’attenzione per i centravanti. Dopo un periodo di enfatizzazione del falso nueve, avere un giocatore in grado di assicurare valanghe di reti è sempre più determinante. Pertanto, perché non andare ad indagare il peso dei gol segnati dagli attaccanti della Serie A per capirne l’impatto? In questo approfondimento ci dedicheremo proprio a stilare una lista delle punte le cui marcature riescono a produrre (non in termini assoluti) più punti alle rispettive squadre.

Per la nostra indagine sono stati presi in considerazione soltanto gli attaccanti che abbiano segnato almeno 5 gol e si farà riferimento ai dati del solo girone d’andata. Inoltre, verranno inseriti in questa lista solamente i giocatori che hanno avuto un contributo pari o superiore a 1 punto per gol, l’indicatore statistico che abbiamo scelto per redigere la graduatoria. Non resta che immergerci in questo viaggio a suon di gol, che non mancherà di presentare sorprese, alcune delle quali anche clamorose.

Serie A, gli attaccanti con almeno un punto per gol: le parti basse della classifica

9 – VLAHOVIĆ: 1,142. Fanalino di coda di questa nostra rassegna volta ad analizzare quanto pesano i gol degli attaccanti della Serie A è il giocatore serbo. Dopo una parte centrale di stagione un po’ difficile, tra critiche, errori dal dischetto e prestazioni molto poco convincenti e altalenanti, il 9 bianconero si è rifatto alla grande nell’ultimo mese, siglando 2 reti decisive contro Frosinone e Salernitana. Entrambe di testa, come solo i veri rapaci d’area di rigore sanno fare.

Serie A, qual è il peso dei gol degli attaccanti nel girone d'andata?

8 – NICO GONZÁLEZ: 1,167. Per distacco, uno dei migliori uomini a disposizione di Vincenzo Italiano in questa prima metà d’annata. Purtroppo, un infortunio alla coscia (dal quale si sta lentamente riprendendo) l’ha tenuto lontano dal campo per 4 partite, ma il numero è destinato a salire. Ciò nonostante, c’è tanto dell’argentino nella splendida cavalcata della viola, che non a caso sta incontrando qualche difficoltà di troppo in fase realizzativa da quando è assente. 

7 – KVARATSKHELIA e NGONGE: 1,2. Il primo ex aequo della nostra rassegna porta le firme della stella del Napoli e di quella appena nascente del Verona. Due club che non hanno esattamente un rapporto idilliaco, ma che possono godersi le magie e, soprattutto, il contributo dei qui presenti a braccetto. Grazie alle loro marcature (5 nel girone d’andata), infatti, tanto i partenopei quanto gli scaligeri hanno ricavato 6 punti. Un flebile, ma comunque importante segnale per tenere vive le rispettive speranze in un campionato finora non esaltante.

Il blocco centrale della graduatoria

6 – BERARDI: 1,222. Si scrive Sassuolo, ma si legge Mimmo Berardi. Il capitano continua a essere una colonna imprescindibile dei neroverdi e così, dopo le frizioni iniziali, il classe ’94 si è preso la squadra sulle spalle, tenendola a galla con 9 gol che hanno fruttato 11 punti, che valgono uno dei contributi più remunerativi in assoluto, nonché un posto di diritto tra gli attaccanti di Serie A presenti in questa lista. Un giocatore talmente prezioso che da solo vale poco meno del 58% del totale dei punti conquistati dagli uomini di Dionisi.

Serie A, qual è il peso dei gol degli attaccanti nel girone d'andata?

5 – LOOKMAN e OSIMHEN: 1,285. La seconda condivisione di posizione vede come protagonisti due connazionali. Entrambi i nigeriani vantano 7 reti nelle prime 19 giornate di campionato con un fatturato per i rispettivi club pari a 9 punti. Seppur caratterizzate da andamenti diametralmente opposti, Napoli e Atalanta fanno tantissimo affidamento sui loro attaccanti, grandi fautori delle loro fortune, passate e presenti.

4 – LUKAKU: 1,375. Ai cancelli del podio degli attaccanti di Serie A i cui gol hanno un peso maggiore troviamo il bomber della Roma. Il belga ha saputo inserirsi perfettamente nel contesto giallorosso, andando a segno 8 volte in campionato (leader dei capitolini) per un contributo di 11 punti. Anche in questo caso, quindi, come per il da poco citato Berardi, parliamo di un sostegno notevolissimo, tra i più alti in termini di valore assoluto. Tra i tanti tentennamenti di questa stagione, nella vena realizzativa dell’ex Inter Mourinho può trovare una delle poche certezze consolatorie.

Serie A, il podio degli attaccanti dai gol più pesanti

3 – DYBALA e CHIESA: 1,4. Il passato e il presente dei fantasisti bianconeri. 7 punti con 5 gol bastano a questi sopraffini talenti per accaparrarsi la medaglia di bronzo degli attaccanti più decisivi della Serie A. L’argentino è la punta di diamante dei capitolini, dai suoi piedi si accendono le scintille più brillanti di una squadra che altrimenti fa fatica a macinare gioco. Un’unica grande (e atavica) problematica: gli infortuni. Senza questi, la Roma avrebbe sicuramente qualche punto in più, dato che, quando la Joya trova la via della rete, si esce sorridenti al 90′. 

Il fuoriclasse juventino, invece, dopo l’exploit iniziale (4 gol nelle prime 5 giornate) ha avuto un netto calo sotto il profilo realizzativo, interrotto solamente il mese scorso. Anche in questo caso, però, tra accelerazioni devastanti e colpi incontenibili, ogni volta che Chiesa segna sono solo gol pesanti. Anche di più del suo collega di reparto.

2 – THURAM: 1,714. Seconda piazza per quello che, a mani basse, è il miglior acquisto del nostro campionato. In pochissimo tempo il francese si è preso l’Inter, innalzando in maniera esponenziale il livello di tutta la squadra. Non soltanto per i suoi numeri individuali, straordinari, sotto porta (7 gol), ma anche per le assistenze (6) ai compagni. Si chieda al capocannoniere Lautaro, uno dei principali beneficiari delle migliorie qualitative per il gioco offensivo nerazzurro apportate dall’ex Wolfsburg. 

1 – ZAPATA: 1,75. Ebbene sì, in testa alla classifica degli attaccanti dai gol più pesanti della Serie A non c’è il re dei bomber. A sorpresa (ma neanche tanta) troviamo il colombiano, le cui statistiche meritano però un approfondimento, che in parte ci aiuterà a capire questo sontuoso rendimento.

Serie A, qual è il peso dei gol degli attaccanti nel girone d'andata?

Duván ha iniziato la stagione con l’Atalanta, con la quale ha giocato le prime due giornate, segnando anche un gol. Superfluo, perché i bergamaschi uscirono sconfitti dalla trasferta di Frosinone. A settembre, il classe 1991 ha sposato la causa del Toro, andando a segno 4 volte. Dunque, se in maglia nerazzurra la sua unica rete è valsa 0 punti, per quella granata i suoi centri ne contano 7. Uno score in termini assoluti un bel po’ inferiore rispetto ad altri giocatori di questa classifica. Tuttavia, la media gol per punto è la più alta di tutti, per cui merita di diritto la corona.

I grandi (e inattesi) assenti di questa graduatoria

Può sicuramente destare non poco clamore non incontrare il nome di Lautaro Martínez nella nostra classifica. Lo scalpore rischia poi di aumentare a dismisura se vi diciamo che l’argentino ha in assoluto il più alto numero di punti ricavati dalle sue reti. Sono 14 grazie alle 16 marcature messe a referto nel girone d’andata, con una media punto per gol pari a 0,875. E allora come possiamo spiegarci l’apparente assenza di decisività? Un contributo del genere non può lasciare indifferenti, ma bisogna rapportarlo alla logica di questa graduatoria. Ovvero sia, un gol diviene pesante quando sblocca il risultato in una partita in cui si mantiene la porta inviolata, oppure quando permette alla propria squadra di agguantare un pareggio, una rimonta oppure ancora si rivela necessario per superare quelli segnati dagli avversari.

Serie A, qual è il peso dei gol degli attaccanti nel girone d'andata?

Le medie tenute fino a questo momento dal Toro potrebbero portarlo a riscrivere la storia dei bomber del nostro campionato. Per tal motivo, l’assenza da questa classifica non andrà minimamente a scalfire l’importanza di un giocatore del suo calibro per una squadra come l’Inter, anche in termini di successi che il club nerazzurro potrà e riuscirà a conseguire.

Stesso discorso vale per suo cugino rossonero Giroud. Il francese condivide con Berardi il ruolo di vice-capocannoniere, eppure anche lui deve arrestarsi al di sotto della soglia di 1 punto per gol. Per l’esattezza, la sua media si attesta a 0,777. In questo caso, il giocatore può sicuramente avere come attenuante il rendimento generale della squadra, ma allo stesso modo non si può discutere il ruolo (e il peso) che l’attaccante ha per l’economia del Milan.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui