Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?

0

Un nuovo anno è ormai giunto, carico di aspettative, sogni, speranze. Come per la vita di tutti i giorni, anche il mondo del calcio pone le proprie aspirazioni per questo 2024 e visto che parliamo di futuro perché non rivolgerci a colori i quali saranno i protagonisti del domani? Abbiamo deciso, dunque, di andare a compiere un’analisi sul nostro campionato per scoprire qual è la squadra più giovane della Serie A. Questa classifica non comprenderà tutti e 20 i club, ma si limiterà soltanto ad una top10, con un breve cenno nel finale alle rose meno meritevoli da questo punto di vista.

Prima di inoltrarci in questo percorso, però, è doveroso chiarire gli elementi che sono alla base di questa ricerca.

Perché un’indagine sulla squadra più giovane della Serie A? Fase iniziale e metodologia

Innanzitutto, cominciamo col dato che ci ha spinti ad approfondire l’argomento della squadra di Serie A più giovane. Tutto è partito da un report presentato da Umberto Calcagno, presidente dell’AIC – Associazione Italiana Calciatori, in base al quale nel nostro massimo campionato, secondo statistiche riportate da OPTA, la percentuale di minuti disputati da giocatori Under-21 si attesta su un risicato 9,8%. Noi preferiamo fermarci a questo valore numerico, senza tirare in ballo la discriminante italiani/stranieri sollevata invece dall’ex centrocampista della Sampdoria. La sua, infatti, è stata una presentazione finalizzata a mostrare una qual certa discrepanza nell’impiego di giovani di altre Nazionalità a scapito dei nostri.

Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?

Noi non entreremo nel merito di questo dibattito, rimandandone l’approfondimento ad un altro momento magari. Qui ci limiteremo a mostrare un dato fattuale che però non vuole essere fine a sé stesso, bensì intende inserirsi in una cornice più ampia, che racchiuderà altre nostre disamine sul tema giovani e campionato nel corso di quest’anno.

Determinati i confini dell’indagine, passiamo ora a passare in rassegna quello che è stato il metodo condotto per arrivare a delineare qual è la squadra con la rosa più giovane della Serie A. Ogni club è stato vagliato per tutti i propri componenti, intesi come coloro che sono presenti nella lista del sito ufficiale. Con i valori raccolti è stata chiaramente calcolata l’età media, che troverete indicata accanto al nome della squadra. Oltre a questo indicatore principale, ve ne saranno altri due: il numero di giocatori nati dopo il 2000 (incluso) e il numero di quelli che hanno almeno 30 anni. In questo modo, sarà più facile contestualizzare l’età media e capire ancora di più il peso dei giovani e dei meno giovani sulla rosa. 

Fatte queste premesse, possiamo finalmente passare alla nostra top10.

Serie A, qual è la squadra più giovane? Le posizioni dalla 10^ alla 7^

10 – NAPOLI 25,962 anni: aprono la nostra rassegna alla ricerca della squadra più giovane della Serie A i campioni d’Italia in carica, con un età media leggermente inferiore ai 26 anni. I partenopei contano 27 giocatori in rosa, 8 dei quali nati dopo il 2000 e 5 ultratrentenni. La concentrazione maggiore di giocatori maturi si ha per il reparto difensivo (una costante che ritornerà spesso nella classifica), mentre è decisamente più green l’attacco, con i vari Raspadori (23) e Kvaratskhelia (22)

9 – JUVENTUS 25,96 anni: più su di pochissimo ci sono i bianconeri, per i quali va fatta una precisazione. Nel computo dei membri dell’organigramma, pur essendo presente sul sito ufficiale del club, abbiamo escluso Pogba. Vero è che è ancora un giocatore sotto contratto della Vecchia Signora, ma la sua è una permanenza, quindi, meramente formale. Di fatto, non è e non sarà per lungo tempo a disposizione della società. Tale discorso non investe, invece, Nicolò Fagioli. Alla luce di questo chiarimento, la squadra di Allegri comprende 25 elementi, con 10 nati dopo il 2000 e 7 Over-30. La retroguardia è per distacco il reparto più anziano, ivi inclusi i 3 portieri. Maggiore freschezza arriva, ancora una volta, dalla compagine offensiva. Tra tutti, non può che spiccare il classe 2005 Yildiz.

8 – EMPOLI 25,607 anni: i toscani sono la prima realtà di provincia in cui ci imbattiamo, uno spazio calcistico dove per antonomasia i giovani possono crescere e maturare senza la pressione di un top club. La squadra di Andreazzoli vanta un numero considerevole di Under-23, ben 12, quasi la metà esatta dei componenti. Molto risicato è, invece, il dato dei giocatori con almeno 30 anni, 5. Il tutto a fronte di una compagine composta da 28 membri. Gli azzurri possono contare su un attacco giovanissimo grazie ai vari Baldanzi (20), Cambiaghi (23), Maldini (22) e Cancellieri (21) con i più esperti Caputo (36) e Destro (32) a fare da chiocce. 

Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?

7 – VERONA 25,3 anni: un’altra cospicua presenza di nati dal 2000 in poi è rintracciabile tra i gialloblù. Dei 33 elementi della rosa, 13 (anche qui quasi la metà) hanno tra i 19 e i 23 anni, con una distribuzione più equa tra i vari comparti di gioco. A 5 si attesta il dato dei trentenni: pochi, ma imprescindibili. Questo gruppo comprende infatti capitan Faraoni, ma anche Djuric, Saponara e un’istituzione come Lazović.

Proseguiamo con le posizioni pre-podio

6 – TORINO 24,846 anni: la metà granata del capoluogo piemontese conta 26 giocatori per la prima squadra maschile. Qui il dato dei calciatori over-30 scende drasticamente a 3 (Zapata, Djidji e Rodríguez). Ovviamente ancora alto quello della classe-2000: 12. Jurić sa valorizzare e tirare fuori il meglio dai propri ragazzi ed è per questo che non si esime dal fidarsi di loro. La rosa granata è così costellata di promesse talentuose. Alcuni, come Bellanova, Ricci o Ilić sono già pedine importanti dello scacchiere del tecnico croato.

5 – FROSINONE 24,833 anni: una delle sorprese più inattese di questa prima parte di Serie A è la squadra di Di Francesco, che, tra i tanti pregi, si distingue anche per essere una delle più giovani. Nei ciociari, metà della squadra (15 su 30) è composta da Under-23, frutto di mirate campagne acquisti per ringiovanire la rosa. E finora i risultati sono stati anche decisamente eccellenti. Da Turati a Okoli, da Brescianini a Ibrahimović, passando per i 3 ex juventini Soulé, Barrenechea e Kaio Jorge. Un gruppo molto green che accoglie esclusivamente 4 nati dal ’93 in poi.

Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?
Ilario Monterisi, difensore classe 2001.

4 – BOLOGNA 24,807 anni: con i progressi di quest’anno è ormai riduttivo definire provinciale una compagine come quella costruita da Thiago Motta. Il tecnico spagnolo sta regalando spettacolo nel capoluogo emiliano, grazie soprattutto all’energia e all’esuberanza dei suoi meravigliosi giovani. Zirkzee guida un esercito di 10 componenti, per lo più giocatori offensivi, dai 23 anni in giù accompagnati da 4 più esperti. È di 26 la statistica sui membri della squadra che ha deciso di spiccare un volo leggiadro, ma sicuro.

Qual è la squadra più giovane della Serie A? Il podio

3 – FIORENTINA 24,645 anni: sono i viola la terza squadra più giovane della Serie A. I toscani hanno sempre avuto la fama di forgiare promettenti ragazzi, poi sbocciati altrove. Pur vantando più esponenti nella rosa (31), i numeri riguardanti Under-23 e Over-30 sono i medesimi dei rossoblù. La differenza allora la fanno i giocatori nell’intervallo intermedio, che mantengono un’età media più bassa nel capoluogo toscano, ma anche i tanti Under-20 (5).

2 – UDINESE 24,3 anni: a Udine si distinguono, invece, per l’altissimo numero di membri della prima squadra (36!) nei quali però sono presenti 16 giocatori nati dal 2000 in poi. Di questi, ben 6 hanno meno di 20 anni, con addirittura anche 2 minorenni (Pafundi e Pejičić). Tanta bella gioventù che custodisce appena 5 trentenni

1 – LECCE 23,516 anni: la nostra indagine si chiude così come era iniziata, con un club del Sud. Va ai pugliesi lo scettro di squadra più giovane della Serie A. Sono tutti dei salentini i record di questa speciale classifica. Unica squadra ad avere un’età media inferiore a 24 anni, maggior numero in assoluto di Under-23 (17) e incidenza più alta degli stessi sulla rosa (quasi il 55%). Non poteva mancare, ovviamente, anche il dato più basso di Over-30: soltanto 2. Dati davvero eccezionali per una squadra che fa tanto affidamento sulle proprie risorse green e che costituiscono un importante zoccolo duro della formazione titolare.

Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?

Serie A, le dolenti note

Concludiamo questa nostra indagine sulla squadra più giovane della Serie A presentando brevemente anche le ultime 3. Partiamo col Cagliari di Ranieri (27,066 anni), che per centrare l’obiettivo salvezza ha scelto di affidarsi a giocatori navigati e con grande esperienza. Le ultime due piazze sono, invece, occupate da delle big del campionato. Penultima la Roma (27,2 anni), che vanta ben trentenni a fronte di soli 4 nati dal 2000 in poi. Fanalino di coda l’Inter di Simone Inzaghi, unico club con un’età media superiore ai 28 anni (28,44 per l’esattezza). Nei nerazzurri il divario tra le due componenti oggetto della nostra analisi è ancora più netto, con 10 Over-30 e appena 3 Under-23, 2 dei quali, Bisseck e Agoumé, rientrati e/o aggregatisi nell’ultima sessione estiva di mercato.

Serie A, qual è la squadra con la rosa più giovane?

Si chiude così questo approfondimento statistico, a cui ne faranno seguito, come vi dicevamo, altri verso il termine della stagione.

La nostra redazione coglie l’occasione per augurare a tutti i nostri lettori e a tutte le nostre lettrici un buon 2024, all’insegna, come sempre, del nostro amato sport!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui