Serie B, il resoconto di Reggina-Brescia (1-2): Gastaldello espugna il Granillo

0

Allo stadio Oreste Granillo va in scena il primo anticipo del 34° turno del campionato di Serie B, tra Reggina Brescia. Una sfida ricca di emozioni fino all’ultimo secondo, che vede la vittoria delle rondinelle con il punteggio di 1-2, in virtù delle reti di Mangraviti Rodriguez. Inutile il gol di Bouah a un quarto d’ora dalla conclusione. Con questa sconfitta gli uomini di Inzaghi mettono a rischio la corsa ai play-off, mentre i lombardi si rilanciano in quella per la salvezza. Analizziamo il resoconto di Reggina-Brescia!

Il resoconto di Reggina-Brescia: primo tempo

L’approccio degli ospiti è più convinto, seppur senza particolari occasioni da rilevare. All’8′ il Brescia va vicinissimo al gol: Bisoli di testa a porta semi-sguarnita si divora il gol del vantaggio. Che, tuttavia, arriva poco dopo: al 10′, sugli sviluppi di un corner, Mangraviti riceve in area indisturbato e, al volo di destro, insacca la rete del vantaggio. 

La reazione della Reggina arriva al 16′: Hernani riceve al limite dell’area da Cionek e con il destro non va lontano dalla porta di Andrenacci. La spinta dei calabresi, tuttavia, non è molto convinta, e le Rondinelle controllano agevolmente le scarse sortite offensive degli amaranto. Rigorosamente, tutte dalla distanza, come testimonia la conclusione di Strelec dal limite al 40′, di facile lettura per il portiere dei lombardi. 

Proprio gli ospiti hanno la grande occasione di raddoppiare al 41′ con Ayé, che da ottima posizione si fa murare da un attento Colombi. Sugli sviluppi del corner successivo, lo stesso centravanti dei bresciani ci riprova con il destro da dentro l’area, calciando però alto sopra la traversa. In pieno recupero sono gli amaranto ad avere la grande occasione per il pari: Menez mette in mezzo un pallone interessante, su cui i compagni si avventano per ben tre volte, trovando altrettante respinte dei difensori del Brescia. Sul ribaltamento di fronte, Labojko costringe al grande intervento Colombi, evitando il raddoppio.

Il resoconto di Reggina-Brescia: secondo tempo

Inzaghi mescola le carte e con un paio di cambi passa al 3-4-3. Nemmeno il tempo di entrare in campo, e gli amaranto sfiorano il pareggio: Andrenacci si supera in due circostanze su Strelec, evitando il pareggio immediato. Al 53′ sono gli ospiti a rendersi pericolosi: Listowski si mette in proprio con un’azione personale, andando al tiro da fuori ben respinto da Colombi.

Sempre da corner, però, il Brescia si rende molto pericoloso. Al 58′ Bisoli mette in mezzo un cross pericolosissimo, che Cistana Rodriguez non riescono a ribadire in rete. Al 61′ Hernani si rende protagonista di una bell’azione personale: dribbling e tiro dal limite dell’area deviato in corner dalla difesa ospite. La pressione amaranto adesso è costante: al 68′ ci prova anche Loiacono di testa, ma troppo centrale per impensierire Andrenacci.

Ma come spesso accade alla Reggina, la poca concretezza si trasforma in mazzata definitiva: al 72′, da corner, Bisoli fa un’ottima sponda per Rodriguez, che indisturbato insacca la rete dello 0-2. I calabresi reagiscono immediatamente: dopo 3′, su un corner battuto da CanottoBouah gira bene con il destro e riapre la partita. Ora i padroni di casa ci credono e tentano il tutto per tutto: all’88’ l’urlo del Granillo si strozza in gola per il miracolo di Andrenacci sul colpo di testa di Pierozzi. Il forcing calabrese è totale: al 91′ Gori ci prova con il sinistro dentro l’area, ma trova la ribattuta in angolo. 

Nel finale si scatena la rissa che porta alle espulsioni di RodriguezPierozzi Ndoj, prima dell’occasione di Rivas a tempo scaduto, che di fatto chiude l’incontro.

Il tabellino

Reggina-Brescia 
Marcatori: 11′ Mangraviti, 72′ Rodriguez, 75′ Bouah.

Reggina (3-5-2): Colombi; Cionek (1’st Bouah), Camporese, Loiacono; Pierozzi, Fabbian, Majer, Hernani (38’st Galabinov), Liotti (1’st Canotto); Menez (27’st Rivas), Strelec (27’st Gori). Allenatore: Inzaghi.

Brescia (4-3-2-1): Andrenacci; Jallow, Cistana, Mangraviti, Huard (40’st Adorni); Bisoli, Labojko (33’st Van de Looi), Bjorkengren; Rodriguez (40’st Niemeijer), Listowski (33′ Ndoj); Ayé (18’st Olzer). Allenatore: Gastaldello.

Arbitro: Francesco Meraviglia (Pistoia).

Assistenti: Dario Cecconi (Empoli), Marco Trinchieri (Milano).

Ammoniti: Loiacono, Inzaghi (REG); Andrenacci, Niemeijer (BRE)

Espulsi: Pierozzi (REG); Rodriguez, Ndoj (BRE)

Recupero: pt 4′, st 7′.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui