Serie C, il resoconto di Taranto-Catania (1-0)

0

Nell’anticipo pomeridiano della 28esima giornata di campionato, il Catania rimedia la dodicesima sconfitta contro il Taranto di Capuano che vince di misura e continua ad essere la squadra che tra le mura amiche ha conquistato più punti, 33 con oggi in tutto. Serviva dare continuità dopo la vittoria contro la Juve Stabia invece cosi non è stato, serviva cattiveria e grinta ma gli etnei hanno concesso tanto, permettendo agli avversari di vincere con il minimo sforzo.

Serie C, il resoconto di Taranto-Catania (1-0)
Credit foto, Catania Fc

Il resoconto di Taranto-Catania (1-0)

Comincia la partita allo “Iacovone” con i pugliesi che da subito dettano i tempi della partita ed al 4° minuto hanno la prima occasione con Calvano il cui tiro potente dalla distanza finisce fuori alla destra di Albertoni

All’11esimo, Taranto in vantaggio: sugli sviluppi di un angolo battuto da Bifulco, mischia in area, pallone che arriva sui piedi di De Marchi che insacca alle spalle del portiere. 

Errore degli etnei al 17esimo, De Marchi va in pressing su Quiani ma questa volta Albertoni riesce ad anticipare l’attaccante pugliese. Etnei dormienti finora.

Al 33esimo prima occasione per i rossazzurri con una gran giocata di Chiricò che ci prova con un tiro cross insidiosissimo centrale, Vannucchi manda in angolo. Sugli sviluppi del corner, Welbeck va al tiro trovando una deviazione, la palla arriva a Chiricò che calcia forte verso la porta ma nulla da fare.

Il primo tempo si chiude sul punteggio di 1-0. Ritmi molto bassi nell’ultima parte a causa dei tanti falli commessi da un’altra parte e dall’altra.

Serie C, il resoconto di Taranto-Catania (1-0)
Credit foto, Catania Fc

La ripresa ricomincia con gli stessi giocatori che hanno chiuso la prima frazione di gioco e sono subito i padroni di casa a farsi vedere in avanti: sugli sviluppi di un angolo, stacca di testa Miceli che colpisce la traversa, la palla arriva a Luciani il cui sinistro finisce di pochissimo a lato.

Taranto padrone del campo e pericoloso ancora su angolo al 55esimo con tentativi da posizione ravvicinata, ma stavolta ribattuti dalla retroguardia rossazzurra. 

Girandola di cambi per Lucarelli: dentro Haveri e Bouah che prendono il posto di Celli e Sturaro.

Occasionissima per gli etnei al 66esimo quando Welbeck ci prova da fuori a giro ma Vannucchi è attento e mette in angolo. 

Al 70esimo triplo cambio per gli etnei: entrano Zammarini, Peralta e Costantino per Chiricò, Cicerelli e Tello. Lucarelli dunque prova il tutto per tutto. 

Grande occasione per il Catania al 78esimo: cross di Peralta e girata al volo di Cianci in area piccola che termina a lato alla sinistra della porta pugliese.

Vengono assegnati cinque minuti di recupero e, proprio al 93esimo, gran giocata di Cianci che controlla perfettamente, si gira al limite dell’area e fa partire un bel sinistro: palla fuori di poco.

Triplice fischio, il Taranto continua a fare del proprio stadio un fortino inespugnabile condividendo, a pari punti con il Picerno, la seconda posizione in classifica. Il Catania, resta fossilizzato al 13esimo posto, sempre più lontano dalla zona playoff. La prossima sfida per gli etnei sarà mercoledì quando andrà in scena la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Rimini in cui si dovrà dare il massimo per vincere in uno stadio “Angelo Massimino” gremito in ogni ordine di posto.

Il tabellino

Taranto-Catania 1-0

Marcatore: pt 11° De Marchi.

Taranto (3-4-3): 26 Vannucchi (K); 16 Luciani, 30 Miceli, 15 Enrici; 24 Valietti (27°st 72 Mastromonaco), 23 Calvano (VK) (14°st 8 Ladinetti), 21 Matera (37°st 28 Fiorani), 3 Ferrara; 99 Fabbro (27°st 96 Orlando), 90 De Marchi (14°st 10 Simeri), 14 Bifulco. A disposizione: 1 Loliva, 22 Costantino; 6 Riggio; 70 Capone, 27 Papaserio, 17 Panico, 37 Travaglini. Allenatore: Capuano.

Catania (4-2-3-1): 95 Albertoni; 27 Castellini (VK), 46 Monaco, 16 Quaini, 28 Celli (19°st 13 Bouah); 8 Sturaro (K) (20°st 3 Haveri), 23 Welbeck; 32 Chiricó (31°st 33 Zammarini), 7 Tello (31°st 9 Costantino), 30 Cicerelli (30°st 19 Peralta); 90 Cianci. A disposizione: 22 Furlan, 35 Donato; 2 Curado, 14 Kontek; 6 Ndoj; 31 Chiarella, 77 Marsura. Allenatore: Lucarelli.

Arbitro: Silvia Gasperotti (Rovereto).

Assistenti: Alessio Miccoli (Lanciano) ed Edoardo Maria Brunetti (Milano).

Quarto ufficiale: Stefano Nicolini (Brescia).

Ammoniti: Fabbro, Calvano, Romano (T); Monaco (C).

Recupero: pt 2’; st 5’.

Angoli: 4-7.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui