Supercoppa Italiana, Inter-Lazio, Sarri: “Abbiamo avuto paura”

0

La Lazio cade a Riyadh contro l’Inter e Sarri prepara il ritorno in Italia dopo un’altra sconfitta contro i nerazzurri, ma che stavolta è eliminazione. I biancocelesti si arrendono alla superiorità della squadra milanese, senza dominare mai nella partita. Alla fine della partita ha parlato il mister biancoceleste, Maurizio Sarri

Supercoppa, Sarri su Inter-Lazio: “Presidente deluso come me”

Niente finale per la Lazio di Sarri, che cade contro l’Inter e saluta la Supercoppa, abbandonando ogni speranza di riportare a casa il trofeo che manca dal dicembre 2019. Ennesima sconfitta in questa competizione per Sarri, ancora contro Simone Inzaghi. Al momento, dopo cinque vittorie di fila, torna una sensazione negativa nello spogliatoio biancoceleste. 

L’analisi della partita da parte Sarri è molto chiara e consapevole della sconfitta bruttissima: “Tre o quattro minuti: questa è la durata della mia percentuale, il 25% di possibilità di battere l’Inter. C’è una differenza enorme tra loro e noi. È chiaro che questa differenza non è quella vista stasera, quindi ci sono molti demeriti nostri. Non lo so, la Lazio soffre di alti e bassi, di partite blackout dopo alcune vittorie. Mi dà fastidio il modo di perdere, anche se loro hanno confermato la loro qualità. Non ti puoi permettere di perdere così. Diamo una parte di merito a loro, ma noi prendiamoci le nostre responsabilità“. 

A quanto pare dopo il fischio finale il presidente Lotito è sceso negli spogliatoi dalla squadra. Sarri ha raccontato così: “No, il presidente (Lotito) non era arrabbiato, ma deluso profondamente. Abbiamo fatto una brutta figura di fronte a una vasta platea televisiva. Il presidente la pensa come me“.

Su cosa è mancato alla Lazio per provare a competere alla pari dell’Inter, Sarri la pensa così: “Io ho avuto la sensazione che la squadra fosse in ritardo su tutto, perchè loro ci colpivamo fra linee. Ho visto una squadra sinceramente impaurita all’inizio, timorosa nell’uscire da dietro, i retropassaggi quando siamo stati sotto la loro pressione, siamo stati molli nel difendere, abbiamo coperto poco quando i loro difensori avevano palli. Un mancato scivolamento ci ha messo in difficoltà. Quando tutto viene fatto un maniera blanda ci lascia pensare che siamo molli mentalmente o impauriti“. 

Sarri però vuole ritrovare la retta via dopo questa sbandata: “In tutte le esperienze negative c’è sempre da imparare. Sui singoli siamo inferiori nettamente all’Inter, ma se vogliamo competere dobbiamo provare a vincerla tatticamente, cosa che non è avvenuta stasera. Dobbiamo avere anche spinta motivazionale, cosa che è mancata. L’insegnamento va appreso e anche messo in opera dopo“.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui