Tanti auguri a Suker, l’eroe balcanico di Francia 1998

0

Oggi compie gli anni Davor Suker, il bomber della Croazia che condusse il suo Paese al terzo posto al Mondiale di Francia 1998.

Suker, un bomber diviso a metà

Suker nasce a Osijek, quarta città della Croazia, il 1 gennaio 1968. Come tanti altri ragazzi della sua generazione, vive sulla propria pelle la disgregazione della ex Jugoslavia. Quando milita nella Dinamo Zagabria, infatti, debutta con la Nazionale di tale Paese, per poi passare alla maglia a scacchi. L’ottimo biennio in patria gli apre le porte del Siviglia, grazie alla quale comincia a farsi un nome in Europa. Dopo oltre 70 gol in Liga, il potente Real Madrid punta su di lui, club col quale campionato, Supercoppa di Spagna, Champions League e Coppa Intercontinentale. Chiuderà la carriera in Inghilterra prima e Germania poi, a Londra con ArsenalWest Ham, fino al Monaco 1860

Il meglio, tuttavia, Suker lo darà alla kermesse mondiale del 1998. La Croazia è infarcita di validi talenti, come Tudor, Simic, Boban e, ovviamente, lo stesso Suker. Il girone H è superato agevolmente: Jamaica, Giappone e l’Argetina di Batistuta battute senza problemi. Suker sigla due reti. Da qui in poi, non smetterà più di segnare: la prima vittima è la Romania. Ai quarti, la Germania è liquidata con un sorprendente 0-3. Il sogno, però, si infrange in semifinale. Il centravanti porta avanti i suoi contro i padroni di casa, aprendo le porte alla speranza. Una doppietta di un goleador per caso, Thruam, spezza l’incantesimo della Croazia. Ma non quello di Suker, che finisce nel tabellino anche nella finale del terzo posto contro l’Olanda di Bergkamp. 

I riconoscimenti

I tifosi croati non potranno mai immaginare che, venti anni dopo, si sarebbero giocati il titolo mondiale, ancora contro i transalpini. Eppure, in quel momento Suker diviene un simbolo. Scarpa d’Oro della competizione con sei centri, arriva al secondo posto nel Pallone d’Oro 1998 dietro a Zidane e terzo nel Fifa World Player. In seguito al ritiro, avvenuto nel 2003, occupa alcuni ruoli dirigenziali di spicco. Come, ad esempio, presidente della Federazione calcistica della Croazia. Davor, ad ogni modo, verrà ricordato per essere il miglior marcatore della storia della Nazionale. 45 in 69 partite, un bottino niente male. I nuovi attaccanti, in Croazia, si ispirano ai suoi gol. Di quel ragazzo diviso a metà che fece sognare un popolo intero.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui