Torino, infortunio Buongiorno: altro problema in difesa per Juric

0

Il mese di gennaio è quasi concluso, ma le emozioni all’interno dell’ambito rettangolo verde hanno già coinvolto intere schiere di appassionati. Dopo 22 turni della Serie A 2023/2024 si delinea sempre più chiaramente la classifica. Le strategie degli allenatori si concretizzano, talvolta riservando delle sorprese e in altri casi i moduli ben congeniati continuano ad essere un marchio di fabbrica. Se ci soffermiamo sui team che hanno meritato le prime quattro posizioni nella graduatoria della prima divisione, è inevitabile notare i salti di qualità compiuti dai protagonisti del campionato. Tuttavia oltre alla quantità dei goal firmati, a lasciare il segno è il percorso dei propri idoli calcistici. Dopo il confronto tra Cagliari e Torino, a vessare nuovamente il settore difensivo del mister Juric, è stato l’infortunio di Alessandro Buongiorno. Quando tornerà in campo? Scopriamolo insieme.

Infortunio Buongiorno, le conseguenze per il Torino di Juric

Ad occupare il reparto infermeria del Toro, è stato Schuurs che ha dovuto chiudere la season già nel mese di ottobre. Proprio l’ex Trapani, nel corso del match contro il Cagliari avvenuto venerdì 26 gennaio, ha rimediato una lussazione alla spalla destra. Il primo quesito dei supporters torinesi, è il seguente: il ventiquattrenne piemontese quando tornerà in campo? Per rispondere in modo netta a tale domanda, bisognerà aspettare gli ulteriori accertamenti previsti domani, lunedì 29 gennaio. Ma possiamo già avanzare le prime ipotesi: lo stop potrebbe durare un mese e se venisse operato i tempi di recupero potrebbero aggirarsi intorno ai tre mesi. Inoltre a lasciare profonde voragini nella difesa torinese, è stato anche Djidji lontano dall’ambito rettangolo fino al 4 dicembre 2023.

Torino, infortunio Buongiorno: altro problema in difesa per Juric

Nonostante tutti questi sinistri, il Torino si distingue per il seguente ruolino di marcia: 8 vittorie (compresa quella contro il Casteddu), 20 goal messi a segno e 31 punti. Per tentare di rimpiazzare il mitico duo Schuurs-Buongiorno l’allenatore Ivan Juric potrebbe puntare su Sazonov. Il ventiduenne georgiano ha collezionato nelle ultime tre partite 161’. Tale turning point potrebbe fargli mettere da parte il tipico ruolo da centrale e indossare i panni del difensore. L’infortunio del classe ’99 starebbe influenzando anche la sessione invernale di calciomercato per il Toro, infatti le sue condizioni rallenterebbe anche le trattative con il Milan. Infatti il dt Davide Vagnati si sarebbe già messo al lavoro per riempire la sua casella, temporaneamente lasciata vuota, con il difensore del Napoli Leo Ostigard.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui