Torino-Parma (1-1): analisi tattica e considerazioni

0
analisi tattica Sassuolo-Atalanta

Si è concluso con il punteggio di 1-1 Torino-Parma, prima partita della Serie A post Covid-19: all’ “Olimpico Grande Torino” si è giocato il primo recupero della 25esima giornata, una gara piacevole e caratterizzata da un buon ritmo nonostante lo stop forzato di oltre cento giorni. I granata sono riusciti a guadagnare il primo punto dopo sei sconfitte consecutive e il primo della gestione Longo seppur con l’amaro in bocca viste le occasioni sciupate. La classifica resta ancora preoccupante con la zona retrocessione a soli tre punti mentre per il Parma un buon punto che avvicina la zona Europa a tre lunghezze.

Longo schiera i suoi con un camaleontico 4-4-2 che in fase offensiva si trasforma in un 3-4-3: Sirigu in porta; difesa composta da De Silvestri, Izzo, N’koulou e Bremer; a centrocampo sulle fasce Edera e Berenguer mentre in mezzo in coppia con Rincon c’è Meitè; in attacco il duo Zaza-Bellotti. Il jolly è Simone Edera abile ad abbassarsi e garantire copertura in fase di non possesso ma soprattutto bravo ad inserirsi in area nelle azioni offensive dei granata, fungendosi da terzo attaccante.

D’Aversa risponde con il classico 4-3-3: al rientro tra i pali c’è Sepe, solita difesa con Darmian, Iacoponi, Bruno Alves e Gagliolo; Scozzarella in cabina di regia affiancato da Kucka e Kurtic e in attacco tridente pesante con Gervinho e Kulusevski a supporto del bomber Cornelius.

Primo tempo: partenza super dei granata ma il Parma risponde con il gol del pari

Torino-Parma (1-1): analisi tattica e considerazioni

Un Toro molto vivo soprattutto nella prima parte del primo tempo grazie a questa nuova svolta tattica studiata nelle ultime settimane da Moreno Longo. Le continue incursioni sulle fasce da parte di De Sivestri e Berenguer creano parecchi grattacapi ai ducali tanto da portarsi in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 15’ con N’Koulou. Il Parma, subito il gol, riesce a reagire e a ritrovare il suo gioco subendo meno la fisicità e il pressing degli uomini di Longo: verso la mezz’ora i crociati crescono e iniziano a creare potenziali opportunità con Kulusevski e Gervinho. Proprio da un’azione dell’ivoriano nasce il pareggio di Kucka che con un tiro secco piega le mani a Sirigu. Buona reazione degli uomini di D’Aversa che si portano negli spogliatoi con il risultato in parità.

Secondo tempo: Belotti spreca, il Toro preme ma non riesce a vincere

Torino-Parma (1-1): analisi tattica e considerazioni

La ripresa inizia subito con l’episodio principale della gara: Belotti si fa ipnotizzare da Sepe e sbaglia il penalty del possibile 2-1. Il Torino però non si disunisce, cerca sempre il gioco sulle fasce e la velocità per mettere in difficoltà la difesa ducale. Il Parma si difende con ordine e quando può cerca di colpire in contropiede con le sue frecce. I ritmi di gara sono piacevoli e le due squadre si affrontano a viso aperto combattendo a centrocampo dove la tanta quantità granata sbatte contro il palleggio degli uomini di D’Aversa. A quindici minuti dalla fine bella azione del Toro con un cross perfetto per Edera che tutto solo a centro area manda clamorosamente la sfera sul fondo.

Questa è l’ultima occasione della gara che evidenzia lo sforzo messo in campo dal Torino per ottenere i tre punti non arrivati per gli errori decisivi commessi dai propri attaccanti. Si è vista una squadra diversa, molto combattiva che vuole ottenere la salvezza al più presto; il Parma invece ha giocato una buona gara sfruttando più la qualità dei propri interpreti ma lasciando trapelare ancora una condizione fisica da migliorare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui