Udinese-Roma, malore Ndicka: la reazione di De Rossi

0

Il mese di aprile è giunto alla sua metà, ma le emozioni all’interno dell’ambito rettangolo verde hanno già coinvolto intere schiere di appassionati. Dopo 32 turni della Serie A 2023/2024 si delinea sempre più chiaramente la classifica. Le strategie degli allenatori si concretizzano, talvolta riservando delle sorprese e in altri casi i moduli ben congeniati continuano ad essere un marchio di fabbrica. Se ci soffermiamo sui team che hanno meritato le prime quattro posizioni nella graduatoria della prima divisione, è inevitabile notare gli upgrade sbloccati dai protagonisti del campionato. Tuttavia oltre alla quantità dei goal firmati, a lasciare il segno è il percorso dei propri idoli calcistici. Nel corso della sfida tra Udinese e Roma, a vessare la difesa del mister De Rossi, è stato il malore che ha colpito Evan N’Dicka. Scopriamo insieme cosa è successo.

Udinese-Roma, la reazione di De Rossi dopo il malore di N’Dicka

Tra le partite della 32a giornata della massima divisione ad essere sospesa è stato il confronto tra l’Udinese e la Roma. Tale decisione è stata presa a seguito di quanto accaduto al 72’ nella splendida cornice del Bluenergy Stadium: il ventiquattrenne parigino s’è accasciato a terra. Il malore accusato dall’ex Auxerre, ha bloccato la gara giunta ormai all’83’ e quando il tabellino dell’impianto multisportivo friulano segnava 1-1. L’allenatore della Roma, Daniele De Rossi, non ha colto immediatamente l’entità dell’evento, credendo si tratti soltanto di una “botta”.

Udinese-Roma, malore Ndicka: la reazione di De Rossi

Tuttavia dopo una manciata di minuti i Capitolini si sono arrestati, i tifosi presenti si sono ammutoliti, Svilar e Pairetto si sono sbracciati  invocando l’intervento dello staff sanitario. Negli attimi immediatamente successivi, la mimica di DDR ha trasmesso quanto rispetto e considerazione riservi per ognuno dei suoi giocatori. Lo rivela la sua sequenza gestuale, riportata da La Gazzetta dello Sport: ha ruotato le braccia, poi le ha messe davanti alla faccia e infine le ha tolte nuovamente. Prima che Evan N’Dicka lasci il manto erboso sorretto dalla barella, l’ex calciatore gli s’è avvicinato e l’ha accarezzato.

Inoltre ha chiesto al direttore di gara, affiancato da Gianluca Mancini, di potersi recare negli spogliatoi per decidere se potesse essere semplicemente sostituito. Soltanto in seguito il mister giallorosso ha comunicato la necessità di fermare l’incontro. Dal suo arrivo a metà gennaio ha reso possibile dieci vittorie, quattro pareggi e due sconfitte. Ma oltre al rendimento in campo, Daniele De Rossi s’è fatto carico di tenere unita la squadra, smussare gli angoli ed continuare ad essere una guida scrupolosa quanto impetuosa.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui