UFFICIALE – Inter, Re Lukaku è tornato a rivendicare il trono

0
UFFICIALE – Inter, Re Lukaku è tornato a rivendicare il trono

Alla fine, dopo tante trattative e parecchie notti insonni da parte di Marotta, Romelu Lukaku è di nuovo un calciatore dell’Inter. Dopo meno di un anno dalla sua cessione al Chelsea, il belga ha intrapreso la strada contraria. Non solo. Ha spinto, continuamente, affinché l’affare andasse in porto ed è stato decisivo il suo taglio netto allo stipendio. Ai Blues, un anno dopo aver sborsato 115 milioni di euro, tornano nelle casse circa 8 milioni di prestito oneroso, più altri 4 in caso di scudetto neroazzurro. Ad annunciare il ritorno di Big Rom a Milano è stata la società, tramite la persona di Steven Zhang, attraverso i canali social dei neroazzurri. La comunicazione ufficiale c’è comunque stata sul sito del club

lukaku-inzaghi UFFICIALE - Inter, Re Lukaku è tornato a rivendicare il trono
Simone Inzaghi è stato decisivo nella trattativa che ha permesso a Lukaku di tornare all’Inter. Il mister neroazzurro ha spinto affinché la società si concentrasse sull’arrivo del Belga più che su ogni altro obiettivo.

Il posto di Lukaku nell’Inter di Inzaghi

In attesa di capire quali saranno i compagni di reparto del belga, Inzaghi può già pensare a come sfruttare Lukaku nell’Inter della prossima stagione. Il suo schieramento sarà quello da 9, classico e inamovibile, anche se il nuovo numero sarà il 90. Con Lautaro, e forse Dybala, ad orbitargli intorno per creare gioco e liberare spazi per gli inserimenti da tutto il campo. Però, Romelu dovrà dimostrare di aver superato quei blocchi, soprattutto mentali, che non lo hanno fato trionfare al Chelsea. Sappiamo quanto possa essere inafferrabile per le difese italiane, meno fisiche e dure di quelle inglesi e meno adatte a contenere una forza della natura del genere.

lukaku-re-milano UFFICIALE - Inter, Re Lukaku è tornato a rivendicare il trono

Abbiamo già visto Lukaku segnare 64 reti e 15 assist in due stagioni con l’Inter e nulla ci può far credere che quel calciatore non ci sia più. E non ci si aspetta di meno da uno dei maggiori protagonisti della cavalcata trionfale dell’Inter nel campionato 20/21 A vedere dalle immagini però, il Re di Milano sembra essere tornato bello carico. E non vede l’ora di riappropriarsi del suo trono.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui