UFFICIALE – Inter, respinto il ricorso per la squalifica di Lukaku

0
UFFICIALE – Inter, respinto il ricorso per la squalifica di Lukaku

Ricorso respinto per la squalifica di Lukaku. Partiamo però dal principio. Gara d’andata della semifinale di Coppa Italia tra Juventus ed Inter. I bianconeri sono in vantaggio per 1-0 grazie al goal di Juan Cuadrado, ma allo scadere un tocco di mano improvvido di Gleison Bremer, consegna ai nerazzurri la possibilità di agguantare il pareggio. Romelu Lukaku si presenta dal dischetto e fa centro. Prima della sua realizzazione però, provengono dalla curva Juve, degli insulti razzisti e il numero 90 nerazzurro reagisce mostrando la sua classica esultanza, iniziando però degli scambi di battute non proprio amichevoli con la curva avversaria.

Juventus-Inter-Lautaro-e1680881679288 UFFICIALE - Inter, respinto il ricorso per la squalifica di Lukaku

Un atteggiamento che viene considerato provocatorio da parte dell’arbitro che, applicando il regolamento, decide di ammonire il belga già precedentemente sanzionato per un fallo su Gatti. Al termine del match ignobile parapiglia, che costa l’espulsione anche a Samir Handanovic e Juan Cuadrado, protagonisti di una colluttazione fisica.

Lukaku salta la Juve, il comunicato del ricorso contro la squalifica 

La Corte d’Appello Federale FIGC ha deciso dunque di respingere il ricorso effettuato dall‘Inter per la squalifica di Romelu Lukaku, rimediata nel match di Coppa Italia contro la Juventus. Il centravanti belga sarà quindi costretto a saltare la gara di ritorno a San Siro. Di seguito il comunicato testuale della Corte Federale:

juventus-inter-coppa-italia UFFICIALE - Inter, respinto il ricorso per la squalifica di Lukaku

“Nell’udienza fissata il 21 aprile 2023, tenutasi in video conferenza, a seguito del reclamo numero 237/CSA/2022-2023 proposta dalla società FC Internazionale Milano, S.p.A e dal calciatore Lukaku Bolignoli Romelu in data 16.04.23, avverso la squalifica della sanzione per 1 giornata di gara inflitta al calciatore Lukaku Bolignoli Romelu, in relazione alla gara di Coppa Italia Frecciarossa nel corso della gara Juventus/Internazionale del 04.04.2023; ascoltati l’Avvocato Angelo Capellini ed il dottor Beppe Marotta per i reclamanti; sentito l’Arbitro”. La Corte Federale FIGC ha ufficialmente respinto il ricorso.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui