UFFICIALE – José Mourinho non è più l’allenatore della Roma

0

José Mourinho non è più l’allenatore della Roma. Una notizia sorprendente arrivata attraverso i canali ufficiali del club giallorosso che ringrazia lo Special One per i tre anni passati insieme. Fatali per il tecnico portoghese sono state sicuramente l’eliminazione dalla Coppa Italia nella stracittadina contro la Lazio, e la sconfitta dell’ultimo turno di campionato sul campo del Milan. Allo stesso tempo, però, era da diversi mesi che si registravano diversi malumori tra l’ex allenatore dell’Inter e la dirigenza. Divergenze dovute sia alle scelte di mercato non condivise, sia ad una mancanza di protezione e appoggio spesso evidenziati da Mourinho. 

Mourinho esonerato dalla Roma: chi sarà il suo sostituto?

Dopo due stagioni e mezzo caratterizzate dalla storica vittoria della Conference League, e dall’impresa sfiorata lo scorso anno in Europa League contro il Siviglia, Mourinho è stato sollevato dalla guida dei capitolini. Ad incidere sono stati sicuramente i malumori con la società. A questi, inoltre, è possibile aggiungere un andamento stagionale considerato insufficiente. Nono posto in classifica con appena 29 punti guadagnati, troppi infortuni e un tipo di gioco incapace di mettere i propri calciatori nelle giuste condizioni per potersi esprimere. Un’avventura quella tra lo Special One e la Roma che sembrava giunta ai titoli di coda per la fine della stagione. La proprietà dei Friedkin, però, ha deciso di intervenire nell’immediato per provare a cercare una svolta.

Come riferito dal giornalista di Sky Sport Gianluca Di Marzio e da altri organi di stampa sportivi, il primo nome sulla lista della società giallorossa è quello di Daniele De Rossi. L’ex bandiera della Roma ha iniziato la sua carriera da allenatore in Nazionale nello staff di Roberto Mancini durante Euro2020, per poi essere chiamato nella passata stagione in Serie B alla guida della SPAL. Una prima esperienza da tecnico sulla panchina emiliana durata soltanto quattro mesi e caratterizzata da appena tre vittorie. Nelle prossime ore, come dichiarato dall’esperto di mercato, la società intensificherà i contatti con il campione del mondo. Il suo profilo è stato individuato come ideale per il ruolo di traghettatore fino a fine campionato.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui