UFFICIALE – Il Direttore sportivo Pietro Accardi lascia l’Empoli

0
UFFICIALE – Il Direttore sportivo Pietro Accardi lascia l’Empoli

La voce circolava ormai da tempo ma ora è ufficiale: Pietro Accardi e l’Empoli hanno trovato l’accordo per la risoluzione del contratto. Dopo la non chiamata da parte del Napoli, che ha virato con decisione su Manna, l’ormai ex direttore sportivo dei toscani ha trovato l’accordo per lasciare Empoli. L’idea è quella di accasarsi, quasi certamente, con la Sampdoria allenata da Andrea Pirlo. Per Accardi si parla di un ricco biennale sopra il mezzo milione di euro. Offerta pazzesca per la categoria. Per lui ora inizia una sfida affascinante e complicata allo stesso tempo. L’intenzione è quella di riportare i blucerchiati nella massima serie italiana. Come sostituto si parla di Roberto Gemini.

Empoli, il comunicato sull’addio di Accardi dopo 12 anni

La società toscana ha comunicato, sul proprio sito, l’accordo trovato con il DS per la risoluzione anticipata del contratto: “Empoli Football Club comunica di aver trovato l’accordo con il Direttore Sportivo Pietro Accardi per la risoluzione anticipata del contratto. Accardi lascia Empoli dopo 12 anni. Dopo un percorso lungo e importante, iniziato da calciatore e poi proseguito da dirigente. Arrivato in azzurro nel 2012, fa parte per due stagioni della rosa di mister Sarri, chiudendo la carriera nel maggio del 2014 con la promozione in Serie A. Nell’estate dello stesso anno assume il ruolo di Team Manager per poi, nel 2017, diventare Direttore Sportivo. Nel percorso dirigenziale conquista due promozioni dirette in Serie  A. Vincendo in entrambi i casi il campionato, e cinque salvezze nella massima serie oltre che contribuire in modo sostanziale alla crescita e allo sviluppo del club. Al Direttore Pietro Accardi vanno i più sentiti e sinceri ringraziamenti per il lavoro svolto in questi 12 anni e il più grande augurio per il futuro sportivo e professionale”. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui