UFFICIALE – Suarez resta in Spagna, va all’Atletico Madrid

0

Dopo essere stato cercato a lungo dalla Juventus, e al centro dell’indagine sull’esame per il passaporto italiano, Luis Suarez alla fine resta in Spagna per indossare la maglia dell’Atletico Madrid. I colchoneros hanno pagato 6 milioni ai blaugrana per assicurarsi il ‘Pistolero’, che ha lasciato in lacrime l’ultimo allenamento con i compagni. A fine agosto, il nuovo allenatore Ronald Koeman aveva comunicato a Suarez che non rientrava più nei piani del Barcellona, così come con Vidal e Rakitic, passato al Siviglia. Un ottimo rinforzo per il tecnico dei colchoneros Diego Simeone, che va a rimpiazzare Morata (passato in prestito alla Juventus) al centro dell’attacco. Sia l’Atletico Madrid che il Barcellona hanno comunicato sui rispettivi siti ufficiali la conclusione dell’operazione.

Atletico Madrid, che colpo Suarez! Breve panoramica del ‘Pistolero’

Cresciuto nel settore giovanile del Nacional, in Uruguay, Luis Suarez debutta in prima squadra nel 2005 e in quella stagione vince il campionato. Nel 2006 passa al Groningen, in Olanda, per 800mila euro. Con la nuova maglia segna la prima doppietta in campionato contro il Vitesse, mentre il 14 settembre firma il primo gol in Europa contro il Partizan Belgrado. Con il Groningen, Suarez realizza 13 gol in 29 partite di campionato, poi il 9 agosto 2007 passa all’Ajax per 7,5 milioni di euro. L’uruguaiano debutta nel migliore dei modi all’ “Amsterdam Arena” segnando una doppietta contro l’Heerenveen. Con i Lancieri arriva il primo trofeo in Europa per il ‘Pistolero’, che conquista la coppa nazionale nel doppio confronto con il Feyenoord. Suarez veste la maglia dell’Ajax fino al 2011: in poco meno di quattro anni, l’attaccante segna 81 gol in 110 partite di campionato.

Il 28 gennaio 2011, dopo una lunga trattativa nel mercato di riparazione, si trasferisce in Inghilterra per vestire la maglia del Liverpool, che acquista il giocatore per 26,5 milioni di euro. Segna all’esordio con la casacca dei Reds contro lo Stoke City. In 110 gare di campionato segna 69 gol, tagliando un record nella stagione 2013-2014. Suarez realizza 31 gol in quell’annata di Premier League, eguagliando Alan Shearer e Cristiano Ronaldo da quando nel campionato inglese si giocano 38 partite.

I numeri e i trofei con il Barcellona

L’11 luglio 2014 il ‘Pistolero’ comincia la sua avventura in Spagna per vestire la maglia del Barcellona, che lo acquista per 75 milioni di sterline. All’epoca, è stato il terzo trasferimento più costoso nella storia del calciomercato. Suarez segna il primo gol nella Liga il 20 dicembre 2014, nella gara vinta 5-0 contro il Cordoba, squadra contro la quale segnerà anche la prima tripletta in blaugrana il 2 maggio successivo. Il 2015 è l’anno del Triplete per il Barcellona di Luis Enrique, e dunque anche per Suarez. L’uruguaiano porta a casa Liga, Coppa di Spagna e Champions League (battuta la Juventus 3-1 a Berlino, l’uruguaiano segna il secondo gol). Nel 2016 arriva un’altra gioia personale: Suarez realizza 40 gol in 35 gare di campionato vincendo la Scarpa d’Oro.

Dopo sei stagioni, l’attaccante uruguaiano lascia il Barça. E’ attualmente il terzo miglior marcatore nella storia del club con 198 reti, alle spalle di Cesar Rodriguez (232) e Lionel Messi (634). Suarez ha fatto incetta di ben 13 trofei in blaugrana: 4 campionati spagnoli, 4 Coppa del Re, 2 Supercoppa di Spagna, 1 Champions League, 1 Supercoppa Europea e 1 Coppa del Mondo per Club.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui