UFFICIALE – Vítor Bruno è il nuovo allenatore del Porto

0
Porto Vítor Bruno

Il Porto, terminata una stagione non esattamente entusiasmante con un terzo posto in campionato, l’eliminazione agli ottavi di Champions League, ma, in compenso, la vittoria della ventesima Coppa di Portogallo della sua storia, prosegue il proprio processo di cambiamento. A poco più di un mese, infatti, dall’insediamento del nuovo presidente, archiviata l’era Conceição, i Dragoni si apprestano ad aprire una nuova pagina dal punto di vista tecnico. Nella giornata odierna, il Porto ha designato come nuovo allenatore Vítor Bruno. Si tratta di una scelta interna, visto che il nativo di Coimbra è lo storico vice dell’ex tecnico lusitano. Per lui un contratto biennale fino al 2026. Andiamo a conoscere meglio l’uomo che guiderà la squadra portoghese per le prossime due stagioni.

Vítor Bruno: chi è il nuovo allenatore del Porto

Pur essendo giovane (è un classe 1982), il nuovo allenatore del Porto Vítor Bruno vanta già una notevole carriera in panchina. Una trafila sviluppata in patria e non solo, ma soprattutto indissolubilmente legata a Sérgio Conceição.

UFFICIALE - Vítor Bruno è il nuovo allenatore del Porto

Ex giocatore dell’Académica, alla tenera età di 28 anni decide di abbandonare già il rettangolo verde in qualità di calciatore per conseguire la laurea in Scienze Motorie ed affiancare il padre, Vítor Manuel, una vera istituzione della panchina in Portogallo.

Dopo un’esperienza in Africa, più precisamente in Angola e poi in Algeria, nel 2009 rientra in Europa e per 2 stagioni funge da assistente di Augusto Inácio. La svolta arriva a partire dal 2011/2012, quando entra a far stabilmente parte dello staff tecnico di collaboratori dell’ex calciatore di Lazio e Inter. Dall’Olhanense al Braga, dall’Académica al Vitória, passando anche per Nantes, Bruno e Conceição dal 2017 prendono possesso della panchina del Porto. Insieme vincono 3 campionati, 4 Coppe nazionali, 3 Supercoppe e una Coppa di Lega. Inoltre, in questi 7 anni da vice, guida in prima persona la squadra per 17 partite, senza mai perdere. 

Adesso toccherà a lui raccogliere le redini del suo mentore e amico per riportare in auge i Dragoni nel minor tempo possibile.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui