Venezia-Roma (3-2), Mourinho: “Non siamo da quarto posto”

0
Venezia-Roma (3-2), Mourinho: “Non siamo da quarto posto”

L’allenatore della Roma, José Mourinho, ha parlato al termine della clamorosa sconfitta per tre a due contro il Venezia neopromosso. 

Venezia-Roma, Mourinho: “Troppe occasioni mancate”

L’allenatore portoghese ha parlato cosi della sua squadra e dei progetti con la società: “Come allenatore devo mettere ambizione e motivazione; non solo ai giocatori ma anche a me stesso. Dire che il 4° posto è l’obiettivo non significa che siamo da 4° posto: io non ho mai detto che siamo una squadra da 4° posto, ma dirò fino all’ultima partita che il 4° posto è l’obiettivo per cui lottare. Siamo finiti 6/7° e lo sforzo della società è stato un mercato reattivo, la rosa non è migliore di quella dello scorso anno. Abbiamo perso giocatori di esperienza e di rosa. I due terzini oggi in panchina erano Reynolds, che ha fatto 2/3 partite in Serie A, e Tripi che è della Primavera: Bruno Peres e Jesus sarebbero stati utili. Il mercato è stato reattivo, sono dal lato della società e del direttore. Il portiere è stata una scelta iniziale, ho fatto richiesta, il terzino sinistro è stato reattivo, così come Tammy Abraham“. 

Sulla rosa: “Gli altri giocatori sono dello scorso anno. Questa non è la stagione per attaccare gli obiettivi in classifica, con un contratto di 3 anni questa può essere una stagione di dolore ma è molto molto importante per capire qualcosa che non capito prima di arrivare. Ora capisco di più rispetto a 2-3 mesi fa. Rispetto all’equilibrio: le squadre si costruiscono su un modello di gioco, quando hai una rosa in cui non hai 2 giocatori con potenziale simile in ogni posizione anche l’allenatore diventa reattivo e non proattivo. Oggi, al di là della grande partita sufficiente per vincere, abbiamo avuto difficoltà di costruzione della squadra. Karsdorp era infortunato e con un cartellino giallo. Se Darmian è in difficoltà entra Dumfries, ci sono mille esempi. Noi siamo una squadra che si deve costruire, ma al di là di questo la nostra motivazione fino a quando sarà matematicamente possibile sarà lottare per il 4° posto. Il target va messo al di là del proprio potenziale. E sugli episodi magari un giorno capirò”. 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui