Conference League: Lech Poznan, l’avversaria della Fiorentina

0

Il sorteggio di Nyon (Svizzera) svoltosi venerdì 17 marzo ha stabilito gli accoppiamenti per i quarti di finale in Conference League: l’unica squadra italiana rimasta nella competizione, la Fiorentina, ha pescato come squadra avversaria il Lech Poznan. La gara di andata si disputerà giovedì 13 aprile in Polonia all’ “Inea Stadion”, impianto di 43.269 posti a sedere inaugurato nel 2010. Un campo che porta bene all’Italia: la Nazionale azzurra ci ha giocato due partite della fase a gironi durante gli Europei del 2012, pareggiando con la Croazia (1-1) e vincendo contro l’Irlanda (2-0). La sfida di ritorno è in programma giovedì 20 aprile allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze, chi passa il turno affronterà in semifinale Nizza o Basilea.

Lech Poznan, l’avversaria della Fiorentina nei quarti della Conference League: il percorso europeo dei polacchi

Con otto campionati, cinque coppe di Polonia e sei Supercoppe il Lech Poznan è una delle squadre più titolate del Paese. Attualmente è terzo in campionato con 43 punti, nove in meno del Legia Varsavia e addirittura 18 rispetto al Raków Czestochowa che comanda la classifica con un ampio vantaggio sulle inseguitrici. L’esordio nelle competizioni europee risale alla stagione 1978/79, ma il cammino si interruppe subito. Al primo turno della Coppa Uefa i polacchi subirono due sconfitte contro i tedeschi del Duisburg (punteggio complessivo 10-2). In Champions League non hanno mai raggiunto la fase a gironi, mentre in Coppa Uefa/Europa League vantano alcune partecipazioni nella fase a gruppi ma non ha mai superato i sedicesimi di finale.

La compagine polacca ha registrato il suo miglior percorso europeo proprio nella stagione in corso. Dopo aver subito l’eliminazione ai preliminari di Champions per mano del Qarabag, il Lech ha superato le fasi eliminatorie di Conference League battendo i georgiani della Dinamo Batumi, gli islandesi del Vikingur e i lussemburghesi del Dudelange. Successivamente ha chiuso la fase a gironi di Conference League al secondo posto, dietro il Villarreal ma davanti ad Hapoel Beer Sheva e Austria Vienna. Ai playoff ha superato il Bodø/Glimt pareggiando 0-0 all’andata in Norvegia e vincendo 1-0 al ritorno in casa. Agli ottavi ha battuto gli svedesi del Djurgardens in entrambe le sfide con un 5-0 complessivo.

Lech Poznan, l’avversaria della Fiorentina nei quarti della Conference League: allenatore, modulo e giocatori chiave

A guidare il Lech Poznan è il 57enne olandese John Van Den Brom, originario di Amersfoort. Ex difensore centrale, dal 1986 al 2003 ha giocato quasi sempre in patria con le maglie di Vitesse, Ajax e De Graafschap. Nel mezzo si registra anche una breve parentesi con i turchi dell’Istanbulspor. Nel suo curriculum da allenatore si segnalano numerose esperienze in Olanda con qualche annata in Belgio alla guida di Anderlecht e Genk. Prima di accettare la chiamata del Lech Poznan, invece, l’allenatore olandese era reduce da una stagione in Arabia Saudita alla guida del Al-Taawoun. Il modulo base di Van Den Brom è il 4-2-3-1 ma in base alle esigenze l’assetto può variare con una difesa a tre. Ecco la formazione tipo della compagine polacca:

LECH POZNAN (4-2-3-1): Bednarek; Pereira, Dagerstal, Milic, Rebocho; Karlstrom, Murawski; Skoras, Szymczak, Velde; Ishak.

Giocatore di punta in questa rosa è l’attaccante svedese Mikael Ishak, che in stagione ha messo a referto 19 gol e 7 assist in 38 partite fra tutte le competizioni. In passato ha giocato anche in Italia: nel 2013 fu acquistato dal Parma per poi essere girato in prestito al Crotone in Serie B, dove segnò 4 gol in 23 presenze. Un’altra vecchia conoscenza del nostro calcio è il difensore Bartosz Salamon che tra il 2008 e il 2021 ha vestito le maglie di Brescia, Foggia, Milan, Sampdoria, Pescara, Cagliari, Frosinone e SPAL. Attenzione anche all’esterno offensivo Michal Skoras, il giocatore con il valore di mercato più alto nella compagine polacca (3,50 milioni dati Transfermarkt). In questa stagione ha messo a segno 13 gol fra tutte le competizioni. L’intera rosa del Lech vale 30,48 milioni di euro, un dato nettamente inferiore rispetto a quello della Fiorentina (235,75 milioni).

I precedenti contro squadre italiane

Lech Poznan e Fiorentina si affrontano per la terza volta in competizioni europee: i due precedenti risalgono ai gironi di Europa League nel 2015/16. I toscani, allenati da Paulo Sousa, persero 1-2 tra le mura amiche (gol di Giuseppe Rossi) mentre nel match di ritorno si riscattarono con un successo per 0-2 grazie alla doppietta di Josip Ilicic. La Fiorentina passò il turno da seconda in classifica dietro al Basilea, mentre i polacchi furono eliminati insieme ai portoghesi del Belenenses. Il bilancio del Lech contro squadre italiane è leggermente a sfavore: in sei sfide complessive si registrano una vittoria, tre pareggi e due sconfitte.

I polacchi hanno affrontato l’Udinese nei sedicesimi della Coppa Uefa 2008/09, pareggiando 1-1 in casa all’andata e perdendo 2-1 al ritorno in Friuli. Da segnalare anche il doppio confronto con la Juventus nella fase a gironi dell’Europa League 2010/11. Entrambe le sfide finirono in parità, 3-3 a Torino e 1-1 in Polonia. I biancoazzurri passarono il turno da secondi in classifica alle spalle del Manchester City, mentre la Vecchia Signora fu eliminata assieme al Salisburgo. Positivo, invece, il bilancio della Fiorentina contro squadre polacche: in sei sfide totali si contano quattro successi, un pareggio e una sconfitta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui