Le pagelle di Monza-Milan (4-2): succede di tutto!

0

L’incontro che chiude la 25a giornata di Serie A tra Monza e Milan si conclude con la prima storica vittoria dei brianzoli sui rossoneri in massima serie. Pessina su rigore e Mota vanno sul 2-0, a inizio ripresa Jovic si fa espellere dopo un check VAR per un ingenuo fallo di reazione. Giroud dimezza lo svantaggio e all’ 88′ Pulisic firma la rete dell’illusorio pareggio. Già, perchè in questa pazza partita la parola fine non esiste. Un gran gol di Bondo e di Lorenzo Colombo, di proprietà dei milanesi, consegnano ai padroni di casa i tre punti e l’undicesimo posto in classifica. Diavolo che fallisce l’opportunità del sorpasso al secondo posto sulla Juventus. A seguire le pagelle di Monza-Milan.

Le pagelle di Monza-Milan

Prima di riportare le pagelle dei protagonisti di Monza e Milan, diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Colombo 5,5 – Per il fischietto di Como, uno degli arbitri più emergenti, capita una gara ricca di episodi controversi. Il VAR corregge due volte la sua decisione, come l’intervento scomposto di Jovic e il gol assolumanente regolare di Bondo, con Maldini nettamente entro la linea dei difensori. Giusto il calcio di rigore.

Pagelle Monza

Di Gregorio 6 – Fin quando resta in campo, ordinaria amministrazione. Poi lo scontro violentissimo e l’abbandono del campo per infortunio (43′ Sorrentino 6 – Poco può sulle reti subite, controlla come può).

Izzo 6,5 – Bella prestazione difensiva, annulla Okafor e Leao sulla sua zolla di campo non ha molti spazi per colpire. 

Pablo Marì 6,5 – Si immola ottimamente su Jovic, evitando un gol che sembrava fatto. Conferisce sicurezza a tutto il reparto difensivo.

A. Carboni 6,5 – Si sta guadagnando la fiducia del suo allenatore, le sue ultime performance sono in crescendo. Ottimo temperamento, soffre  un po’ di più con Pulisic in campo.

Birindelli 6 – Non eccelle, ma svolge il suo compito in marcatura con disinvoltura e senza particolari affanni.

Pessina 7 – Il capitano non trema dinnanzi al dischetto del rigore, trasformando con grande fermezza. Tanta leadership in mezzo al campo, giocatore fondamentale.

Gagliardini 6,5 – Vive la gara come una sorta di derby e ci mette tanta grinta. Ruggisce su Loftus-Cheek, ingabbiando i suoi proverbiali inserimenti.

Mota 7 – Solita prestazione di grande generosità e sacrificio sull’esterna, condita dal bel tiro a giro che fissa il punteggio sul 2-0. Tanta corsa, l’U-Power Stadium lo acclama quando lascia il campo (81′ Maldini 6,5 – Buon impatto, dà il via all’azione del 3-2).

Colpani 6,5 – Serve a Mota un bel cioccolatino per il 2-0, delizia il suo pubblico con delle belle giocate, unico neo il possibile 3-0 gettato alle ortiche (81′ Pereira s.v.).

V. Carboni 6  – Un po’ a corrente alternata, non si accende sempre e non è sempre precisissimo nelle scelte tecniche (66′ Bondo 7 – L’eroe della serata che entra nella storia del Monza, con la sua frustata che fa esplodere una città intera).

Djuric 6,5 – Fa a sportellate con l’intero reparto difensivo del Milan, colpendo un palo esterno e tenendo alta la squadra. Acquisto invernale molto funzionale (66′ Colombo 6,5 – Senza esultare mette il ghiaccio sulla partita).

Allenatore: Palladino 7,5 – Nella prestazione c’è tanto: letalità sotto porta, cattiveria agonostica e resilienza. Entra nella storia con i cambi azzeccatissimi e la tenacia di una squadra che, nonostante sia molto vicina alla salvezza, non rinuncia mai a giocare. Il suo Monza continua a sognare.

Le pagelle di Monza-Milan (4-2): succede di tutto!

Pagelle Milan

Maignan 6  – Poco colpevole in tutte le reti incassate, certo non fa miracoli come ci aveva spesso abituati. 

Florenzi 6 – Troppi gli spazi lasciati alle iniziative avversarie, si riscatta parzialmente con la pennellata che porta al gol del 2-1 (83′ Musah s.v.).

Thiaw 4 – Letteralmente disastroso. Affossa due volte causando un rigore ingenuo e si fa saltare nettamente sul 2-0, evidentemente non ancora al meglio, ma sono errori da matita blu.

Gabbia 5,5 – Prova a non sbandare, ma alla lunga è assorbito nei buchi difensivi e non ne esce indenne.

Theo Hernandez 5,5 – Non sprinta, in assenza di Leao sembra quasi più spento. Se non cambia il passo, l’out di sinistra ne risente.

Adli 5 – Lento, compassato, non alza i ritmi del gioco. Una delle sue peggiori prestazioni da quando veste la maglia del Milan (46′ Reijnders 6 – La musica cambia, entrano le sue geometrie e i rossoneri rientrano in partita).

Bennacer 5,5 – Regia intelligente e anche delle buone incursioni in avanti, ma cicca malamente il pallone che dà il via al 2-0 del Monza. Una macchia importante (63′ Giroud 6,5 – Lo chiami e risponde presente. Nella momento della disperazione dà nuova speranza col suo gol).

Chukwueze 5 – Totalmente fuori del gioco, un tiro dalla distanza telefonato e nulla di più. Fallisce la sua chance dal 1′ (46′ Pulisic 6,5 – Bella la rete con cui dà illusione al Milan di tornare a casa con un punto. Uno dei più propositivi).

Loftus-Cheek 5,5 – Non giganteggia come di consueto, perde diversi duelli fisici e in avanti fa solo il solletico. 

Okafor 4,5 – Non tocca di fatto un pallone, quasi ai limiti del giudicabile per quanto espresso nei 45′ in cui rimane in campo (46′ Leao 5,5 – Qualche strappo e poco altro, gli rimangono i colpi in canna).

Jovic 4 – Folle il gesto con cui condanna i suoi a giocare il resto della gara in 10. Ha una sola ottima occasione ben murata da Pablo Marì.

Allenatore: Pioli 5 – Approccio troppo molle e passivo, difesa da registrare e un atteggiamento quasi remissivo. Stavolta la reazione di rabbia (l’ennesima) dei suoi non basta, stavolta sono 0 punti. Da controllare la gestione comportamentale: 6 cartellini rossi sono troppi per una squadra ai piani alti della classifica. Tante cose da rivedere, tra cui un turnover che non ripaga in vista di una gara di Europa League pienamente da gestire.

Le pagelle di Monza-Milan (4-2): succede di tutto!

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui