Iscrizione respinta: il Chievo rischia di salutare la Serie B

0

Doccia fredda in casa dei Mussi. Il Chievo si è infatti visto respingere l’iscrizione al campionato di calcio di Serie B. La questione centrale ruota attorno ad una serie di rateizzazioni fiscali sulle quali sarebbero state espresse riserve da parte del Covisoc, l’organismo di vigilanza. E proprio il Covisoc, assieme alla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi, ha rigettato nella giornata di ieri la domanda d’ammissione dei gialloblu. Immediata la risposta del club di Luca Campedelli, con la quale si annuncia il ricorso per tentare di validare l’iscrizione. Al momento appare tuttavia come l’ipotesi più remota e difficilmente realizzabile. Più probabile invece il ripescaggio del Cosenza, retrocesso in questa stagione in Serie C.

Il Chievo rischia la Serie B: Cosenza alla finestra

Un destino che però non riguarda solo il Chievo. Di fatti anche Carpi, Sambenedettese, Novara, Paganese e Casertana hanno visto rifiutare la domanda d’ammissione al campionato di Serie C. Per le stesse motivazioni.

Iscrizione respinta: il Chievo rischia di salutare la Serie B

E ora per i tifosi clivensi non resta che sperare, con le possibilità di un miracolo ridotte al lumicino. Il giorno della verità è fissato: martedì 13 luglio. Entro quella data i mussi hanno l’opportunità di sviscerare le motivazioni della non ammissione e tentare di regolarizzare la propria posizione. Un’impresa che si profila piuttosto ardua, ai limiti della praticabilità. Il tutto con il Cosenza alla finestra, spettatore molto interessato a questa vicenda che lo riporterebbe in serie cadetta. E dunque dopo ben 17 stagioni in Serie A, condite anche da straordinari risultati, e 10 in Serie B, il Chievo Verona è letteralmente a un passo dal baratro, con il rischio sempre più concreto di una retrocessione forzata.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui