Le pagelle di Perugia-Benevento (3-2): Grifo in Serie C!

0

Non basta una gara al cardiopalma al Perugia: nonostante il 3-2 finale, è condannato alla Serie C. Benevento che, già retrocesso, onora la gara fino all’ultimo e riesce a pareggiare al 92′ grazie a Ciano, prima che Kouan chiuda definitivamente le marcature. Così il Grifo chiude in terzultima posizione il campionato di Serie B, mentre i sanniti diventano il fanalino di coda a 35 punti. Riportiamo le pagelle di Perugia-Benevento.

Le pagelle di Perugia-Benevento

Prima di analizzare le pagelle dei protagonisti di Perugia e Benevento, diamo un giudizio alla prova del direttore di gara.

Arbitro: Dionisi 5,5 – Il fischietto di L’Aquila non commette errore madornali, ma a tratti fatica a tenere in riga un match molto nervoso. Qualche dubbio nella gestione dei falli e incertezze qua e là. Non ha dubbi nell’assegnare il rigore che Lisi trasforma, e ha ragione. Seguono le pagelle di Perugia-Benevento.

Pagelle Perugia

Abibi 6 – Para tutto il parabile, compreso il tiro a botta sicura che poi innesca la rete di Farias. L’ultimo dei colpevoli.

Sgarbi 5 – Sbanda clamorosamente come tutta la difesa in occasione dello 0-1-Una gara condita da troppe incertezze.

Curado 5,5 – La vellocità degli attaccanti sanniti lo stordisce, si rimette un po’ in sesto nella ripresa. 

Angella 5,5 – El Kaouakibi è un cliente alquanto scomodo, lo contiene con molto affanno. Gli anni passano anche per lui.

Paz 5 –  Sbaglia tutto lo sbagliabile, facendo infuriare il Curi. Il suo tiraccio a fine primo tempo, rimproverato dai compagni di squadra, è una fotocopia della sua gara (46′ Olivieri 6,5 – Entra con la verve giusta e provoca il rigore del pareggio. Scalpitante)

Iannoni 6 – Ci mette molta sostanza, d’altro canto Castori lo ha visto crescere. Lotta fino a quando resta in campo (80′ Bartolomei s.v.).

Santoro 5,5 – Come spesso avvenuto in questa stagione, manca nella stoccata finale e nella cattiveria sotto porta. Tanta corsa per la squadra, ad ogni modo (85′ Vulic s.v.).

Lisi 6,5 – Garantisce la giusta imprevedibilità e corsa sull’esterno. Sempre minaccioso, realizza la rete dal dischetto che ridà speranza.

Luperini 5,5 – Tanta voglia di fare, ma pochissima precisione con tanti palloni persi. Scheggia una traversa che non basta a redimersi (62′ Kouan 6 – Segna un gol facile facile, inutile ai fini delle sorti).

Di Serio 6 – Tanta tecnica e un destro che esplode a ripetizione, solo Manfredini dice di no. Uno degli ultimi a crederci (62′ Capezzi 6 – Ci mette sostanza e impegno, come sempre quando chiamato in causa).

Di Carmine 6,5 – A seguito di una stagione complessa, si riscatta segnando un gol da vero rapace d’area. A Perugia ha lasciato un segno, resta con l’amaro in bocca.

Allenatore: Castori 6 – Con la grinta e con i cambi giusti (Olivieri su tutti), recupera la gara, almeno con lo spirito. Spirito, però, che nelle ultime otto gare è rimasto spento, senza vittorie. Rimedia troppo tardi.

Le pagelle di Perugia-Benevento (3-2): Grifo in Serie C!

Pagelle Benevento

Manfredini 7 – Compie tre prodigi per lasciare le ragnatele in fondo al sacco. Per distacco iil migliore dei suoi.

Veseli 5 – Ingenuo quando allarga il braccio per respingere un cross di Olivieri che sembrava innocuo. Macchia così la sua gara.

Glik 6 –  Il capitano polacco onora la sua avventura in Campania con una gara giocata con ordine, senza troppi affanni. Nonostante la sconfitta.

Tosca 5,5 – A ondate annaspa, specie quando il Perugia preme nella ripresa. Da rivedere.

El Kaouakibi 6,5 – Spina costante nel fianco, dà il via allo 0-1 e si propone con continuità. Una scheggia (75′ Tello s.v.).

Karic 6 – Esercita una discreta pressione e sfiora la rete in un paio di circostanze. Buona prova da parte sua.

Schiattarella 5,5 – Quando gli umbri alzano i giri del motore nella ripresa va in panne, non imposta coe vorrebbe. E Agostinelli lo richiama in panchina (62′ Kubica 6 – Senza infamia e senza lode, si destreggia come può).

Koutsopias 5,5 – Alterna buone giocate a momenti di blackout, non fornisce la giusta continuità.

Foulon 6 – Qualche buona incursione e adrenalina nelle gambe, uno dei più positivi in stagione.

Ciano 6,5 – Conosce benissimo la categoria e lotta come un leone, il gol nel finale è un premio alla sua carriera.

Farias 6 – Bravo a ribadire in rete da fuori area, poi poco a poco svanisce un po’ dalla gara. 

Allenatore: Agostinelli 6 – In una gara in cui il Benevento non ha nulla da chiedere, gioca con onore e spavalderia. Nelle ripartenze è molto pericoloso, a lui non serviva risultato ma il suo Benevento non molla. Che si possa ripartire da lui?

 

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui