Serie C, il resoconto di Benevento-Catania (0-4)

0

Il Catania asfalta il Benevento al “Ciro Vigorito” 4-0, regalando ai tifosi etnei la gioia della vittoria e concludendo il girone d’andata di campionato con i botti finali prima della sosta natalizia.

Serie C, il resoconto di Benevento-Catania (0-4)
Credit, Catania Fc

Il resoconto di Benevento-Catania (0-4)

Si gioca al “Ciro Vigorito” l’ultima giornata del girone di andata tra Benevento e Catania. Dopo le delusioni in campionato dovute alla sconfitta di Messina e in ultimo quella con il Sorrento, gli etnei di Lucarelli si riscattano e portano a casa tre punti importantissimi per la classifica. Catania che dovrà affrontare il girone di ritorno con maggiore intensità e con altri obiettivi.

Comincia subito bene il Benevento con una gran giocata di Marotta (ex di turno) che lancia sulla fascia Masciangelo, assist per Ferrante  il cui cross basso manca di poco la porta.

Sembrano in bambola gli etnei che non riescono a prendere posizione in campo, i campani padroni della partita in questi primi 10 minuti di gioco. 

Buona giocata di Castellini al 20esimo: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il difensore calcia forte con il destro ma Paleari si allunga e mette in corner.

Serie C, il resoconto di Benevento-Catania (0-4)
Castellini, credit Catania Fc

Abbassa il ritmo adesso il Benevento, complice la crescita del Catania in questa fase.

Espulso Karic al 37esimo che rimedia in 60 secondi due cartellini gialli, il primo per proteste, il secondo per il fallo su Zanellato, lasciando così il Benevento in dieci con ancora un tempo e mezzo da giocare.

Dopo una manciata di minuti dall’espulsione, rigore per il Catania: Rocca in area di rigore viene steso da Paleari e Chiricò dal dischetto fredda il portiere beneventano. Catania in vantaggio al 39esimo.

Serve un miracolo sul primo palo di Paleari, su un bel fraseggio tra Chiricò e Castellini che tira deciso basso, per evitare il raddoppio.

Nessun recupero in questo primo tempo, avanti la squadra di Lucarelli di una rete sul Benevento in dieci uomini.

Si ritorna in campo con le stesse formazioni iniziali, nessun cambio ne per Andreoletti, ne per Lucarelli.

Raddoppio del Catania al 47esimo con Zammarini: spaccata di Dubickas, passaggio a Chiricò che imbecca in area Zammarini la cui conclusione batte Paleari.

Scorre tranquilla la seconda frazione gioco, fino al 61esimo quando Talia rimedia il secondo giallo per simulazione e guadagna l’espulsione, beneventani in nove uomini.

Lucarelli effettua il primo cambio dentro Deli fuori Rocca. 

Contropiede del Catania al 69esimo con Dubickas che la gioca per Chiricò, finta magistrale su Viscardi, rientra e mette in rete.

Serie C, il resoconto di Benevento-Catania (0-4)
Chiricò, credit Catania Fc

Ancora cambi per il Catania: dentro Rapisarda per Chiarella, Chiricò per De Luca, Quaini per Maffei.

Rossazzurri imperiosi, Deli, appena entrato, viene servito da Maffei e con un destro a giro batte Paleari, mettendo in rete il quarto gol al 79esimo. 

Serie C, il resoconto di Benevento-Catania (0-4)
Chiricò, Zammarini, Deli, credit Catania Fc

Prova di carattere quella dei rossazzurri che hanno confezionato per i propri tifosi il più bel regalo di Natale, il ritorno alla vittoria. Il Catania ha dimostrato di saper sfruttare al meglio le occasioni favorevoli, con la doppia espulsione di Karic e Talia che ha lasciato vuoti tra le maglie campane ma ha soprattutto evidenziato la solidità di un gruppo che, dopo le sconfitte, ha voglia di crescere e dire ancora la propria in questa seconda parte di campionato.

Il poker calato al Benevento farà trascorrere a tutti una sosta natalizia serena in vista del ritorno in campo del 7 gennaio contro il Crotone, che gli etnei incontreranno per la terza volta in questa stagione.

In sala stampa, Lucarelli ha analizzato la vittoria, soffermandosi sull’atteggiamento in campo dei suoi ragazzi.

“La prestazione non è stato diversa dalle altre ma la squadra ha concretizzato quasi tutto; sicuramente è stato diverso l’atteggiamento, sapevamo che ci mancava questo. Se fossimo stati così cinici con Messina, Virtus Francavilla e Sorrento oggi avremmo una classifica diversa. Questa vittoria è importante perché ottenuta contro una squadra forte e su un campo difficile, è una bella boccata d’ossigeno.”

Il mercato di gennaio è pericoloso e devi essere lucido, prendendo giocatori che hanno giocato, con partite e minuti, che non vadano messi a posto, magari con una o due eccezioni. Il campionato si conclude a fine aprile e dobbiamo inserire giocatori che staranno tre mesi e dovranno ambientarsi, non è facile. Bisogna essere chirurgici altrimenti si rischia di fare danni.”

Simpaticamente e con il sorriso ho detto ai ragazzi di andare a quel paese, perché finalmente il pragmatismo e il cinismo che ho sempre chiesto oggi si sono visti, al di là del Benevento che comunque era prima in 10 e poi in 9; oggi il Catania ha giocato con il piglio da protagonista. Dobbiamo saper soffrire e concretizzare sempre. Nella prestazione di oggi c’è tutto quello che mi piacerebbe che questa squadra facesse; giocare tutte queste partite in poco tempo non ci ha aiutato. Auguri di Buon Natale a tutti: di solito a Natale si mangia il bollito, oggi questo brodino ci dà una mano”.

Il tabellino

Benevento-Catania 0-4

Marcatori: pt 39° Chiricó su rigore; st 2° Zammarini, 24° Chiricó, 34° Deli.

Benevento (3-5-2): 24 Paleari (VK); 2 El Kaouakibi, 96 Capellini, 23 Rillo (12°st 25 Viscardi), 16 Improta (24°st 16 Bolsius), 7 Karic, 38 Talia, 14 Pinato (17°st 21 Agazzi), 5 Masciangelo; 11 Ferrante (12°st 26 Sorrentino), 9 Marotta (K) (18°st 4 Alfieri). A disposizione: 12 Manfredini, 22 Giangregorio; 10 Ciano, 78 Masella, 3 Benedetti; 30 Carfora. Allenatore: Andreoletti.

Catania (3-5-2): 1 Bethers; 2 Curado (VK), 16 Quaini (32°st 3 Maffei), 26 Lorenzini; 31 Chiarella (25°st 5 Rapisarda), 33 Zammarini (K), 6 Zanellato, 8 Rocca (17°st 19 Deli), 27 Castellini; 32 Chiricó (32°st 7 De Luca), 17 Dubickas. A disposizione: 22 Livieri; 77 Marsura; 20 Popovic. Allenatore: Lucarelli.

Arbitro: Ermes Fabrizio Cavaliere (Paola).

Assistenti: Andrea Cravotta (Città di Castello) e Francesco Romano (Isernia).

Quarto ufficiale: Andrea Recupero (Lecce).

Ammoniti: Karic, Talia, Improta (B).

Espulsi: Karic al 36°pt e Talia al 16°st per somma di ammonizioni.

Recupero: pt 0’; st 2’.

Angoli: 4-2.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui