Juventus, rebus Nicolussi Caviglia: quattro volte titolare ma zero gol

0

Il mese di maggio sta portando con sé un nuovo mix di emozioni all’interno dell’ambito rettangolo verde. Inoltre a breve attraverso prestiti, cessioni e acquisti il volto dei team protagonisti della Serie A cambierà ancora una volta. Dall’inizio della sessione estiva di calciomercato, previsto per l’1 luglio, moltissime contrattazioni terranno col fiato sospeso i tifosi, con trattative dall’epilogo inaspettato o simili ad una soap opera, a causa dei continui stravolgimenti. Ma in questo caos mediatico, a rimanere come obiettivo comune è l’interesse di rafforzare i caposaldi della squadra e plasmare i nuovi arrivati. A finire sotto i riflettori, nonostante sia fermo a quota zero goal, è il centrocampista della Juventus Nicolussi Caviglia.

Nicolussi Caviglia-Juventus, cosa manca per il goal?

L’occasione in cui il centrale italiano ha attirato su di sé le luci della ribalta, è stato il confronto con l’Atalanta avvenuto mercoledì 15 maggio. L’ex Perugia, schierato nell’undici come titolare in occasione della finale di Coppa Italia, è rimasto in campo per 62’. Il talentuoso giocatore ha già esordito come titolare contro l’Inter e nella sfida seguente ha firmato un assist. Tuttavia nell’arco temporale che si frappone tra tale azione e la partita contro la Dea, il suo percorso non ha conosciuto significati upgrade in termini statistici. Vi sono stati due motivi principali che hanno impedito al ventitreenne valdostano di flexare: un grave sinistro e due importanti interventi.

Juventus, rebus Nicolussi Caviglia: quattro volte titolare ma zero gol

Se ci soffermiamo soltanto sul tabellino di marcia, è inevitabile notare che il mister Massimiliano Allegri abbia centellinato la sua presenza in campo: 9 volte nel corso della season, 7 in campionato e 2 in Coppa Italia, per un totale di 345’, con una media di 38′ a match. Inoltre, come riportato da La Gazzetta dello Sport, ha vestito i panni da titolare per 4 volte. La sua presenza all’interno dell’ambito rettangolo verde, almeno per 6 volte, ha coinciso con altrettante vittorie della Juventus. Tuttavia a mancare all’orizzonte sono le reti segnate. Dunque la formula vincente per un goal targato Hans Nicolussi Caviglia, potrebbe essere un maggior numero di convocazioni e così l’aumento del minutaggio.

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui