Il ruolo del portiere: che cosa è cambiato?

0

Il calcio è in continua evoluzione, e con esso anche l’interpretazione delle posizioni in campo. Uno dei cambiamenti più interessanti lo ha avuto il ruolo del portiere, e ora andremo a capire il perché e le modalità. Per decenni l’estremo difensore si è occupato solo di parare. Imparava le prese, le uscite alte, basse, a posizionarsi e a posizionare la barriera ecc. Portieri leggendari come Dino Zoff avevano solo il compito di salvare la porta dai tiri avversari, l’evoluzione però non si ferma, è come un’onda che si propaga, e bisogna stare al passo per non rimanere indietro.

Il ruolo del portiere: che cosa è cambiato?

Il ruolo del portiere, non solo le mani

Da estremo difensore a vertice basso, questo è il cambiamento radicale del portiere. Questi, infatti, è il primo a impostare il gioco, vede tutto il campo, gioca molti metri più avanti e tocca moltissimi palloni. Spesso infatti il play di centrocampo non trova spazi, e il difensore centrale, e il portiere, devono trovare la soluzione per costruire e impostare la manovra. Per questo molte squadre investono non solo sulla capacità di parare, ma anche sui piedi buoni. Ter stegen con il Barcellona e Allisson nel Liverpool ne sono un esempio, come lo è Neuer nel Bayern Monaco. Oltre a questo ha la funzione di ultimo difensore, con interventi spesso determinanti. Il portierone del Bayern ha fatto scuola negli ultimi anni, con anticipi molto spesso spettacolari e un posizionamento alto e coraggioso.

Il coraggio di cambiare

Ogni innovazione comporta un cambiamento, e non tutti sono stati celeri ad apportarlo. Vediamo però che tutte le società si stanno adattando, già dal settore giovanile si abituano i portieri a giocare con i piedi. Ormai è diventato un giocatore di movimento a tutti gli effetti, in Italia il messaggio è stato recepito e le nuove leve sono molto più pronte della vecchia guardia. Quale sarà la prossima evoluzione?

Dove vedere il calcio in streaming e come risparmiare

Su DAZN, al costo di 34,99 euro al mese, è possibile vedere tutte le partite della Serie A, la Serie B, l’Europa League e alcune partite della Conference League.

Sky ha la sua piattaforma streaming, Now TV, dove il Pass Sport, che include tre partite per turno della Serie A e tutta la Champions League e Serie B, costa 9,99 euro al mese.

Amazon Prime Video costa 4,99 euro al mese, e include tutti i servizi Prime oltre le migliori sedici partite della Champions League del mercoledì.

Bonus: come avere un abbonamento alle piattaforme streaming e risparmiare

Esistono alcuni servizi che consentono di condividere l’account delle migliori piattaforme streaming (DAZN, Now TV, Netflix, Prime Video, Disney Plus, ecc.) con altre persone e dunque di risparmiare sugli abbonamenti, parliamo di GamsGoGoSplit o CooSub. Grazie a GamsGo, GoSplit e CooSub è possibile acquistare, ad un prezzo irrisorio, un abbonamento condiviso con altri utenti in maniera facile, veloce e sicura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui