Jorginho vicinissimo a cambiare maglia: l’Arsenal fiuta l’affare

0

A sorpresa Jorginho è vicinissimo all’Arsenal. Il centrocampista, attualmente al Chelsea, ha il contratto in scadenza a giugno 2023 e, dato che l’accordo per il prolungamento tra la società inglese e il brasiliano non è ancora stato trovato, i blues starebbero cercando di cederlo per monetizzare invece di lasciarlo partire a parametro zero.

Jorginho, l’Arsenal prova a piazzare il colpo: le cifre dell’affare

La squadra di Mikel Arteta, con lo stupore di tutti gli addetti ai lavori e dei tifosi inglesi, si trova in testa alla classifica di Premier League: se tornassimo all’inizio della scorsa stagione, tutto ciò è incredibile, in quanto il tecnico spagnolo era sulla graticola per la difficoltà a trovare continuità dei risultati. Per provare a vincere il campionato, che manca dal lontano 2003/2004, quando in panchina c’era Arsene Wenger, i Gunners starebbero per chiudere un colpo a centrocampo: si tratta di Jorghino, centrocampista del Chelsea. Secondo quanto riportato da Nicolò Schira su Twitter, l’Arsenal avrebbe messo ul piatto 15 milioni di euro per portare un altro brasiliano sotto la corte di Arteta. Offerta che sembrerebbe essere stata accettata dai Blues. L’ex calciatore del Napoli, dunque, sarebbe prossimo a trasferirsi, dopo aver passato quattro stagioni e mezzo allo Stamford Bridge.

Arsenal-Jorginho: Arteta si sfrega le mani

In Italia conosciamo benissimo Jorginho. Il centrocampista, infatti, ha iniziato nelle giovanili del Verona, che, per farlo maturare, l’ha girato in prestito alla Sambonifacese. Tornato in maglia gialloblù dopo un anno, è nella stagione 2011/2012, in Serie B, che il centrocampista si fa notare, con 41 presenze e 2 reti a referto. Questi numeri gli valgono la conferma in Serie A, in cui, grazie anche alla capacità nel tirare i rigori, sigla 7 gol e fornisce 3 assist in 15 presenze.

Il Napoli di Rafa Benitez inizia a credere nel talento brasiliano, ma la sua esplosione avverrà solo con l’avvento di Maurizio Sarri: il gioco dell’allenatore toscano è perfetto per Jorginho, il quale verrà considerato il play che serviva alla squadra azzurra per iniziare a girare e a giocare un buon calcio. Da quell’annata in poi, il rendimento del brasiliano cresce di stagione in stagione a tal punto da ricevere la chiamata del Chelsea, grazie anche all’arrivo del suo mentore, ovvero Sarri. Con la squadra inglese vince la Champions League, formando una diga insuperabile con N’golo Kanté; lo stesso anno è uno dei giocatori fondamentali nello scacchiere di Mancini nella vittoria dell’Europeo.

Mikel Arteta, dunque, non vede l’ora di allenare il fuoriclasse brasiliano. Il suo sistema di gioco, il 4-2-3-1, prevede due mediani a schermo della difesa: Jorginho potrebbe giocare sia vicino a Thomas Partey, centrocampista fisico ma anche tecnico, sia con Granit Xhaka, anche se con quest’ultimo potrebbe avere più problemi nelle transizioni difensive, in quanto entrambi non eccellono per quanto riguarda la velocità. Pertanto l’ex giocatore del Verona, dovrà giocarsi il posto con lo svizzero, che sta disputando la sua miglior stagione nelle fila dell’Arsenal.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui